Salvini decapita i vertici della Lega in Sicilia e nomina un suo fedelissimo | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Dopo le vicende giudiziarie azzerati i potentati del partito

Salvini decapita i vertici della Lega in Sicilia e nomina un suo fedelissimo

di
19 Aprile 2018

Terremoto nella Lega in Sicilia: il “Capitano” Matteo Salvini azzera i vertici regionali del partito e nomina un suo fedelissimo di Varese come commissario per la Sicilia. Si tratta del senatore Stefano Candiani.

Lo ha nominato durante un direttivo che si è concluso la notte scorsa a Catania. Candiani ha già svolto un ruolo analogo per cinque anni in Umbria. La mossa del leader leghista arriva anche e soprattutto a seguito delle inchieste giudiziarie che nei giorni scorsi hanno portato all’arresto dell’ex deputato regionale Salvino Caputo e di suo fratello Mario e al coinvolgimento del segretario regionale Angelo Attaguile e del deputato Alessandro Pagano.

Una rivoluzione che era nell’aria e che era stata chiesta anche dalla base. Il neo commissario sarà affiancato da Fabio Cantarella per la comunicazione. Il primo compito di Candiani sarà quello di occuparsi delle amministrative e in particolar modo su Catania, Siracusa e Ragusa per liste e alleanze. Per il leader nazionale Matteo Salvini l’idea è  quella di costruire il partito su un modello federale e di inquadrare circoli e territori secondo uno statuto.

A Candiani, si diceva, toccherà il compito di occuparsi delle elezioni amministrative del prossimo 10 giugno in Sicilia: ci sono programmi, candidati e accordi da chiudere nelle città più importanti in cui si voterà: Catania, Messina, e Siracusa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.