Salvini in pressing sul movimento di Musumeci. Accordo in tempi brevi? :ilSicilia.it

Gli scenari del centrodestra in Sicilia

Salvini in pressing sul movimento di Musumeci. Accordo in vista?

di
3 Settembre 2018

I luogotenenti di Matteo Salvini in Sicilia premono sull’acceleratore e vanno in pressing sul movimento di Nello Musumeci. Obiettivo la nascita di un percorso condiviso da qui alle prossime consultazioni elettorali di maggio e la premessa per una partecipazione comune all’esperienza parlamentare all’Ars.

Per riflettere non ci sarà poi tutto questo tempo. La “melina” che, in fondo, consapevolmente, dalle parti di #Diventeràbellissima, si tende a portare avanti, nella speranza di differire i tempi della scelta ed evitare spaccature, rispetto all’ipotesi di federazione con il partito, gettonatissimo al momento, di Salvini in Sicilia, non sarà un’arma consentita a lungo.

Già alla ripresa, subito dopo la pausa di ferragosto, Aricò prima e Stancanelli poi, avevano più volte ribadito con tempi e argomenti diversi, che di morire leghisti, almeno per il momento, non avevano molta voglia.

Cosa sta cambiando allora adesso? Quali movimenti stanno prendendo forma e quali conseguenze potranno avere sotto il profilo dell’impatto numerico all’Ars?

Innanzitutto, giorno dopo giorno, la forza di aggregazione sui territori della Lega, sta crescendo esponenzialmente. Anche per effetto di questa premessa, qualcuno, all’interno del gruppo di Musumeci comincia a far notare che, se si deve entrare nell’orbita leghista, tanto vale farlo per tempo e non dopo, quando si rischia di trovare pochi spazi di manovra all’interno dei quadri dirigenti.

Il rovescio di questa medaglia, con una tesi che in più di un’occasione è stata illustrata da Alessandro Aricò, capogruppo di #Diventeràbellissima, sarebbe quello di accelerare solo in presenza di una “pesatura” certa nei nuovi equilibri di coalizione nell’Isola.

Perché, quel che è certo è che se il gruppo parlamentare all’Ars leghista, al momento tutt’altro che pronto, diventi a breve una realtà, le partite per le Europee e in prospettiva per le prossime amministrative di Palermo, Salvini, a quel punto potrebbe decidere di giocarle in splendida solitudine, proseguendo la sua luna di miele con gli elettori siciliani.

Una parola pesante dovrà spenderla di certo Nello Musumeci. Su di lui Salvini nutre la vera aspettativa. Il governatore siciliano al momento non pensa a preparare la strada per altri e teme al tempo stesso che caratterizzare il suo movimento possa nuocere all’anima laica che lo ha sostenuto.

Un altro fatto da considerare è dato dalla scarsa propensione dei centristi, autonomisti ex Lombardiani, che non vedono di buon occhio il boom della Lega. Rimane da capire se questo basterà per dare linfa a Fratelli d’Italia e al gruppo di Stancanelli o se sarà solo una (temporanea) mancanza di simpatia verso il gruppo di Salvini.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

VaffanCovid

A te che vuoi toglierci tutte le speranze ed i progetti sul futuro, a te che pretendi di non darci nessuna tregua, un sincero ed accorato... VaffanCovid!

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Agenda

di Renzo Botindari

Memento di una Persona Perbene

Mentre tutti oggi onorano la rimembranza di questi personaggi, io amareggiato penso a quelle che saranno state le loro ultime ore di vita, delusi, traditi e chiusi in sé stessi nell’attesa che qualcosa di brutto potesse accadergli.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin