Salvini a Taormina: "Macché dittatore, elezioni subito" :ilSicilia.it
Taormina

il leader della Lega in Sicilia

Salvini a Taormina: “Macché dittatore, elezioni subito”

di
11 Agosto 2019

“Macché dittatore, chiedo le elezioni…”. Lo dice il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Taormina, rispondendo a una domanda sui “pieni poteri” che ha chiesto nei giorni scorsi agli italiani.

“I dittatori non vogliono le elezioni, io voglio le elezioni – ha aggiunto Salvini -. poi c’è una Costituzione che regola i poteri, io voglio un Governo stabile per cinque anni, non un esecutivo che litiga. Sono quelli che non vogliono le elezioni a non amare la democrazia. Più che chiedere le elezioni, più che dare la parola al popolo, più democratico di così cosa puoi volere dalla vita…”. 

“MAI COL PD”

“C’è il presidente della Repubblica Mattarella che ha in mano la situazione. Mi sembra chiaro che non c’e’ piu’ un governo, non c’è più una maggioranza. Se qualcuno crede che l’Italia possa essere governata per anni dall’accoppiata Renzi-Grillo auguri, forse è il caldo d’agosto… L’unica soluzione sincera, trasparente, concreta, efficace, democratica, è dare la parola agli italiani. Non capisco questo terrore di far votare gli italiani – ha proseguito –. Siamo in democrazia, dovrebbe essere la cosa più bella del mondo far votare i cittadini. E non penso che i cittadini voteranno un’accoppiata Renzi-Grillo, ma vediamo, facciamoglielo fare a ottobre. E’ il potere della poltrona, da Renzi me lo aspettavo, da Grillo un po’ meno…”. E sulle future alleanze ha aggiunto: “Sicuramente mai nella vita ci alleeremo con il Pd…”.

“CHI PERDE TEMPO VUOLE SOLO SALVARE POLTRONA”

Chi perde tempo in una situazione delicata come questa lo fa unicamente per salvare la poltrona, non ci sono scuse di manovre, responsabilità, Iva. Chi perde tempo danneggia l’Italia e salva la sua poltrona”. Salvini, poco prima di mezzogiorno, in costume da bagno, ha fatto il suo ingresso allo stabilimento balneare Caparena a Taormina.

Il ministro ha annunciato che si fermerà in Sicilia anche domani mattina per fare visita alla mamma dei bambini travolti da un Suv a Vittoria. “Sono stato sempre in contatto con lei – ha spiegato Salvini -, mi ha chiamato e andrò a farle visita da papà e non da ministro”.

salvini
Foto Ansa

Renzi, Boschi, Grillo, Fico ma dai, siamo seri... Ogni giorno che passa è un danno per l’Italia. Prima si fissa la data delle nuove elezioni, prima il popolo decide, prima nasce un nuovo parlamento e un nuovo Governo, prima si fa una manovra economica, prima l’Italia riparte”, ha aggiunto Salvini, per il quale “chi perde tempo tifa per l’aumento delle tasse e per il caos. Ditemi voi un Governo Renzi, Grillo, Boschi, Fico che cosa può fare per l’Italia e per gli italiani. Siamo seri, prima si vota meglio è”.

LA REPLICA A GRILLO

Salvini poi risponde così alle parole di Beppe Grillo che vuole “salvare l’Italia dai Barbari”: “L’Italia verrà salvata da 60 milioni di abitanti che voteranno a meno che qualcuno non pensi che l’Italia sia popolata da barbari. Però in democrazia la parola spetta al popolo”.

IL “SALVA CATANIA”

E ancora: “Oggi andrò a Catania e sono contento. Vi ricordate il Salva Roma? Noi della Lega abbiamo detto più volte no perché non c’era solo il Comune di Roma in difficoltà, ce n’erano tanti, c’era Catania, c’era Alessandria… Grazie alla nostra testardaggine il Salva Roma è diventato un aiuto a tanti Comuni italiani e quindi sono contento di avere salvato tanti stipendi al Comune di Catania”.

LA RISPOSTA A RICHARD GERE

A chi gli chiede di commentare le prese di posizioni dell’attore Richard Gere, Salvini ha risposto:Mettesse a disposizione i suoi milioni e le sue ville, risolveremmo i problemi di qualche italiano e di qualche siciliano. Prendere lezioni da questi fenomeni ultra milionari che arrivano da oltreoceano, spiegano agli italiani cosa devono fare dei loro soldi, è imbarazzante”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.