Salvo Piparo porta in scena la Palermo di Peppe Schiera [FOTOGALLERY] :ilSicilia.it
Palermo

Dal testo di Salvo Licata

Salvo Piparo porta in scena la Palermo di Peppe Schiera [FOTOGALLERY]

di
8 Gennaio 2018
ph © rosellina garbo 2017
ph © rosellina garbo 2017

C’era e c’era Giuseppe Schiera“, è il titolo dello spettacolo teatrale che debutterà mercoledì 10 gennaio (ore 21) al Teatro Biondo di Palermo (Sala Strehler).

A dare voce al testo di Salvo Licata in omaggio a Peppe Schiera, poeta di piazza e “cantore beffardo” della Palermo popolare degli anni del fascismo, sarà Salvo Piparo con la sua incontenibile verve.

Le irriverenti “sparatine” di Schiera, l’anima del testo di Licata, originariamente interpretato da Giorgio Li Bassi, vengono oggi arricchite sul palcoscenico dalla voce di Costanza Licata. Completano il cast Giovanni Valenza e Marco Macaluso alla fisarmonica. Le scene sono di Elisabetta Giacone.

Il nuovo allestimento, prodotto dal Biondo in collaborazione con l’Associazione Culturale Kleis è diretto da Enrico Stassi, che aveva portato per la prima volta in scena il testo nel 1995.

Di fronte a un testo così “pirotecnico” e ricco di parola – spiega il regista – ho scelto di celarmi il più possibile. Ho concepito con discrezione un disegno nel quale il testo di Salvo Licata, i suoi umori surreali e metafisici, il suo interprete sanguigno, venissero esaltati con l’aiuto di pochi elementi essenziali: un solo attore parlante, che interpreta anche tutta la teoria di voci e personaggi presenti nel copione; un secondo attore, muto, che è a un tempo servo di scena, spalla, figurina pubblicitaria, illustrazione d’epoca e anche piccolo alter ego di Giuseppe Schiera; un’ambientazione sonora di musiche del tempo e alcune “apparizioni musicali” dal vivo”.

Repliche fino al 24 gennaio.

 

  • Foto di scena di Rosellina Garbo
© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin