Sami Ben Abdelaali, l'ex consulente di Crocetta eletto al parlamento tunisino :ilSicilia.it

sARà DEPUTATO NEL PAESE NORDAFRICANO

Sami Ben Abdelaali, l’ex consulente di Crocetta eletto al parlamento tunisino | VIDEO INTERVISTA

di
10 Ottobre 2019

 

Guarda la video intervista in alto

E’ stato consulente “per le relazioni con i Paesi del Mediterraneo, Africa e Mondo Arabo” dell’allora governatore della Sicilia Rosario Crocetta che lo ha anche fortemente voluto alla guida dell’Ircac, l’Istituto regionale per il credito alla Cooperazione. Queste sono solo due degli importanti incarichi ricoperti in Sicilia. Adesso, dopo una carriera passata tra gli uffici del consolato tunisino a Palermo e quelli della Regione siciliana, Sami Ben Abdelaali approda al Parlamento tunisino.

E’ infatti uno dei tre deputati eletti nelle liste dei tunisini all’estero; si è piazzato al secondo posto, candidandosi con la lista indipendente “Koulna Tounes” (Siamo tutti tunisini).

Residente da diversi anni a Palermo, sposato con una donna siciliana titolare di un’agenzia di viaggi, per un breve periodo anche direttore generale della compagnia di autonoleggio “Sicily by car”, Sami Ben Adelaali è sempre stato un personaggio al centro di roventi polemiche, in particolare in occasione della sua nomina al vertice dell’Ircac, contestata da alcune forze politiche. La nomina del candidato sponsorizzato da Crocetta non era stata poi confermata dalla giunta del governatore Nello Musumeci, che ha commissariato l’ente, avviando la fusione con la Crias, la Cassa regionale per il credito agli artigiani.

Ho conosciuto Crocetta, molti anni fa a Gela quando l’ex governatore era assessore ai beni culturali della città. Lui già frequentava il mio paese. A seguito della sua nomina come Presidente della Regione Siciliana mi ha chiamato come persona di fiducia. Nel bene o nel male Rosario Crocetta è amico mio“, afferma durante l’intervista a ilSicilia.it

Il ballottaggio per le elezioni presidenziali tunisine si terrà il 13 ottobre. Lo ha annunciato il presidente della Commissione superiore indipendente per le elezioni (Isie), Nabil Baffoun. A sfidarsi al secondo turno saranno il giurista conservatore Kais Saied, indipendente, che al primo turno ha totalizzato il 18,4% dei voti, e il magnate populista Nabil Karoui, in carcere dal 23 agosto scorso con le accuse di riciclaggio e per evasione fiscale e riciclaggio di denaro, che ha ottenuto il 15,5% delle preferenze.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin