25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Palermo

Si tratta dell'edificio del SS. Crocifisso all'Albergheria

San Benedetto il Moro dipinto sulla parete di una chiesa cinquecentesca a Palermo: scoppia la polemica sui social

12 Giugno 2018

PALERMO – Scoppia la polemica sui social, per un’opera realizzata da Igor Scalisi Palminteri, dal forte valore sociale se messa in relazione al quartiere in cui è stata realizzata, ossia l’Albergheria, luogo dai forti contrasti e criticità, dove vi è un notevole lavoro delle associazioni sulle differenti realtà presenti.

Ma in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook, Mauro Alessi, pone una riflessione, sul posto in cui è stato realizzato il dipinto: “Sono rimasto perplesso per lungo tempo per il supporto su cui è stata realizzata l’opera, il rudere della chiesa cinquecentesca del SS. Crocifisso all’Albergheria, crollata non durante i bombardamenti del secondo conflitto mondiale, ma a seguito del crollo accidentale del prospetto dell’adiacente Ospedale S. Saverio, durante il cantiere per la realizzazione dell’attuale residenza universitaria“.

murales-san-benedetto-il-moro-palermoIl murales  – continua Mauro Alessi –  è stato realizzato, per la sua metà in verticale, sui blocchi antichi cinquecenteschi del Santuario che da questo punto si sviluppa con un ampio brano architettonico alla destra dell’opera“.

Secondo Alessi l’artista avrebbe potuto realizzare e applicare la sua arte su un altro tipo di supporto e non su uno “vincolato architettonicamente e storicamente dal Codice dei Beni Culturali il D.Lgs. 42/2004″.

Di monumenti abbandonati e degradati ne abbiamo un’infinità a ed anche con ampie pareti vuote, ma non dovrebbe passare il messaggio che per riqualificare territorialmente, qualsiasi artista potrebbe riappropriarsi di questi ruderi abbandonati e non valorizzati per la realizzazione delle proprie opere dal momento che spesso costituiscono importanti identità storiche“.

Tra il murales di Falcone e Borsellino alla Cala e questo dell’Albergheria, vi è l’enorme differenza del supporto e non credo che la collettività e la comunità scientifica accetterebbe un murales sull’Uscibene, sul Mastio del Castellammare, nel prospetto dell’Istituto delle Croci o di palazzo Cefalà in via Alloro“.

facebookMi auguro pertanto  – conclude nel post Mauro Alessi – che l’artista a fronte dell’indubbio valore sociale e artistico di quest’opera acquisisca la consapevolezza dell’importanza dei supporti storici architettonici e che li rispetti nonostante avrei preferito che l’artista non dichiarasse pubblicamente che <<quando abbiamo scelto il muro ho tenuto in considerazione che una porzione della pittura sarebbe stata realizzata su dei conci antichi ma ho creduto che quello che stavo facendo avesse la priorità. Mi prendo le mie responsabilità. Ho scelto “il sabato per l’uomo e non l’uomo per il sabato” “.

Questo episodio, ha diviso il popolo Facebook, infatti, c’è chi sostiene che questo è un modo per ridare vita a un quartiere degradato, c’è chi, invece, come Mauro Alessi, vorrebbe che si sensibilizzassero le autorità competenti al fine di tutelare, e soprattutto recuperare, per valorizzare i beni culturali di cui la nostra città è ricca.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.