San Cataldo, bimbo in arresto cardiaco per boccone di traverso: rianimato in ospedale :ilSicilia.it
Caltanissetta

Adesso è ricoverato in osservazione

San Cataldo, bimbo in arresto cardiaco per boccone di traverso: rianimato in ospedale

di
10 Aprile 2022

Un bimbo di 2 anni di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, ha rischiato di morire soffocato per un boccone andato di traverso durante una scampagnata. Arrivato, nella tarda mattinata, in arresto cardiaco in pronto soccorso è stato rianimato e adesso sta bene.

Il bimbo era con i suoi genitori a una scampagnata e stava mangiando qualcosa quando ad un tratto è diventato cianotico. Il cibo andato di traverso era rimasto bloccato nelle alte vie aree. I genitori hanno subito preso il piccolo, ormai privo di sensi, lo hanno caricato in macchina e trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta. Presenti in sala il primario Salvatore Amico, la dottoressa Vania Lombardo e in un secondo momento anche la rianimatrice Maria Carmela Ciuro, che hanno effettuato le manovre di disostruzione e il massaggio cardiaco. Dopo circa 10 minuti il bimbo ha ripreso a respirare e a piangere. Medici e infermieri presenti in sala hanno tirato un sospiro di sollievo. Adesso il bambino è ricoverato in osservazione al reparto di Pediatria.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.