San Giuseppe Jato: torneo di calcio per bambini, in memoria del piccolo Giuseppe Di Matteo | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

A 24 anni di distanza dal delitto mafioso

San Giuseppe Jato: torneo di calcio per bambini, in memoria del piccolo Giuseppe Di Matteo | FOTO

di
12 Gennaio 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

In occasione del XXIV Anniversario della barbara uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo; il Circolo Acli San Cipirello “Progetto Legalità” ha organizzato la quarta edizione del Mini Torneo per Bambini “Scalciando per Giuseppe” che vede impegnati i piccoli calciatori categoria 2009 delle scuole calcio di San Cipirello, Borgetto e Corleone.

I piccoli campioni sono stati premiati dai rappresentanti del Presidio di Libera “Valle dello Jato”, dell’amministrazione comunale, dalla presidenza delle Acli di Palermo e dall’assessore del Comune di Prato, che ogni anno partecipa a questa ricorrenza per il piccolo Giuseppe Di Matteo.

Anche in questa edizione era presente la Giunta di Prato con l’assessore Ilaria Santi, che durante la posa di una mattonella nella piazza Falcone Borsellino di San Giuseppe Jato, ha voluto ricordare come sia importante il coinvolgimento dei bambini delle scuole elementari e la presenza della Città di Prato, perché il fenomeno criminale non può e non deve essere combattuto solamente in un’area geografica specifica escludendo il resto del territorio nazionale.

il-piccolo-giuseppe-di-matteo-a-cavallo“Non lasceremo mai – dichiara Enza Capitelli presidente del Circolo Acli di San Giuseppe Jato – nessuna opportunità per condannare con fermezza il vile e vigliacco eccidio compiuto dalle più atroci delle mafie. Il nostro impegna sarà anche quello di mantenere alta la memoria di un bambino innocente che si stava affacciando alla vita e con una grande passione per i cavalli”.

“A 24 anni di distanza – dichiara il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – non si è spento, né mai si spegnerà il dovere di ricordare Giuseppe Di Matteo, vittima innocente di una barbarie inaccettabile. A 24 anni di distanza dai giorni del suo assassinio, preservare la memoria di quel bambino è un atto che ci aiuta a restare umani, a ricordare che a fare la differenza fra le persone è sempre e solo il rispetto per gli altri e per il bene inviolabile della vita.”

“Le acli di Palermo, Us Acli ed il circolo Acli San Cipirello – dichiara Nino Tranchina presidente delle Acli di Palermo – organizzando questo torneo di calcio di bambini con quattro squadre del comprensorio di San Cipirello, San Giuseppe Jato, Corleone e Borgetto intendono coinvolgere sempre più la società civile nel ricordare quanta ferocia può generare la criminalità pur di tutelare gli affari illeciti.  Dobbiamo impegnarci in percorsi educativi, che promuovono la cultura della legalità, avendo attenzione soprattutto per le giovani generazione e quindi ripartire dai bambini che sono la speranza affinché le nostre comunità si possano liberare dalla mafia e dalla corruzione”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin