San Lorenzo, la "Notte dei Desideri" al Belvedere Kainon :ilSicilia.it
Agrigento

Il 10 agosto

San Lorenzo, la “Notte dei Desideri” al Belvedere Kainon

8 Agosto 2019

Vedo stelle che cadono nella notte dei desideri
È una notte come tutte le altre notti
È una notte che profuma di avventura
Ho due chiavi per la stessa porta
Per aprire al coraggio e alla paura
(La Notte dei desideri – Jovanotti)

La Notte di San Lorenzo ha una storia che intreccia astronomia, religione e antichità: la tradizione delle stelle cadenti ha origini molto antiche e solo più tardi fu associata al martirio di San Lorenzo. Secondo la leggenda infatti, il giovane fu arso vivo su una graticola e i carboni ardenti associati a questo fenomeno e chiamati, anche, lacrime di San Lorenzo. In realtà sono le Perseidi, uno sciame meteorico proveniente dalla Costellazione di Perseo.

Questa magica notte in cui ogni desiderio può avverarsi, potrete viverla in un luogo di grande magia, al Belvedere Kainon, Realmonte, nell’incantevole territorio agrigentino. Starete con il naso all’insù a cercare stelle cadenti per esprimere a occhi chiusi i sogni, le speranze che vorreste esauditi, il tutto accompagnato da musica dal vivo. Nel buio della notte, complice la Luna nel suo ultimo quarto, le scie luminose delle Perseidi si vedranno meglio, assomigliando a stille che, come diamanti, illumineranno la volta celeste, un elegante velluto ricamato con punti luce. Quale sarà il vostro desiderio? Pensateci e non sprecatelo.

Intanto vi facciamo immergere nell’incanto di questa notte con le note brasiliane e latine dei Luz Latina e tante altre sorprese. Questo duo acustico di Bossa Nova, voce e chitarra, data la comune passione di entrambi i componenti per il Brasile e il mondo latinoamericano, nasce a metà del 2017. Dopo qualche mese il repertorio si arricchisce di nuove sonorità, viene aggiunta una sezione ritmica e una serie di brani strumentali di stile classico/popolare e appartenenti a vari paesi come il Brasile, la Colombia, il Messico, il Paraguay, l’Argentina…

Ciò che caratterizza i Luz Latina è la costante ricerca e la vastità del repertorio, mai uguale, mai ripetitivo; la singolare “distribuzione” della strumentazione tra i componenti, voce-percussioni e chitarra, strumenti che tra l’altro si alternano nel ruolo di protagonista e accompagnatore; il tocco popolare, ma dentro dinamiche di improvvisazioni e “libertà” tipiche del jazz; la totale personalizzazione degli arrangiamenti che acquistano un carattere unico e particolarmente gradevole all’ascolto; la costante ricerca di un equilibrio tra ciò che fa piacere suonare e ciò che chi sta dall’altra parte vorrebbe ascoltare.

La peculiarità di questo duo è che non si può incasellare in uno stile ben definito: è a tratti classico, a tratti popular, a tratti jazz. Sicuramente del mondo latino ha colto lo spirito e la bellezza, facendo propri certi tipi di linguaggio e dando spesso all’ascoltatore la sensazione di fare un viaggio verso terre lontane la cui musica è sicuramente uno dei tesori più grandi da custodire e, col dovuto rispetto, divulgare.

L’ingresso libero. Per Info: +39 320 843 9820

E che i vostri desideri possano essere esauditi.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.