San Vito Lo Capo: artisti internazionali per il festival musicale "Mondo Sounds" | FOTO :ilSicilia.it
Trapani

afrobeat, highlife, cumbia, afroblues, folk, tropical ed elettronica

San Vito Lo Capo: artisti internazionali per il festival musicale “Mondo Sounds” | FOTO

20 Giugno 2019
Benin International Musical
Sergio Beercock
Alessio Bondì - ©Valentina Glorioso
Donato
Corrado Fortuna

Guarda la fotogallery in alto 

É tutto pronto per “Mondo Sounds“, il festival che si terrà dal 28 al 30 giugno a San Vito lo Capo, con la direzione artistica di Fabio Rizzo e Francesca Perricone  e l’obiettivo di esprimere una nuova idea di multiculturalità e integrazione attraverso la musica.

Tre giorni non solo di musica ma anche spettacoli, dibattiti (sabato 29 alle 16,30 – piazza Santuario) e concerti per celebrare le identità sonore del sud del mondo, in un viaggio emozionante tra Africa, Americhe, Mediterraneo e Sicilia al ritmo di afrobeat, highlife, cumbia, afroblues, folk, tropical ed elettronica, tra la natura mediterranea e la spiaggia dai colori caraibici della località trapanese.

Un fitto calendario di eventi, concerti e dj set si alternerà tra i tre palchi, tre diverse venues, in tre luoghi suggestivi del borgo marinaro, con differenti programmazioni e attività.

Mondo Sounds

Un terzo palco è stato aggiunto alla già ricca programmazione di Mondo Sounds: Highlife Deck, avamposto tropicale a ridosso della spiaggia di San Vito (ingresso gratuito).

Santuario Stage, invece, sarà il crocevia cittadino del festival, in piazza Santuario, centro nevralgico della vita San Vitese; ospiterà artisti siciliani e internazionali dal tardo pomeriggio fino alle 22:30, sempre ad ingresso gratuito.

Antropico Stage è il palco notturno di Mondo Sounds, poco distante dal centro cittadino consentirà di ballare fino a tarda notte sotto il cielo di San Vito. Il Campo Equestre Comunale verrà allestito in una veste inedita e trasformato in una location d’eccezione per ospitare i migliori dj e performer provenienti dai quattro angoli del pianeta (ingresso a pagamento, biglietti acquistabili a sul sito della manifestazione).

Tra gli artisti di spicco del festival Dele Sosimi con la sua Afrobeat Orchestra (Nigeria/UK), ambasciatore mondiale del genere Afrobeat; i Benin International Musical (Benin) promettente collettivo che si distingue per le sonorità voodoo e afrorock.

Dall’ Argentina arrivano Chancha Via Circuito, protagonista della nuova scena elettronica sudamericana, e La Yegros, considerata la regina della nuova cumbia, che porta da Buenos Aires la sua miscela unica di folklore andino, dancehall giamaicana ed elettronica.

Mondo Sounds

L’anima clubbing e underground del Festival si animerà con i numerosi dj set proposti da: i britannici Roni Size & Dynamite MC, produttori e dj tra i più influenti nella scena della drum’n’bass britannica; e poi Auntie Flo uno degli artisti di spicco della nuova world club music, fino al dj italiano di culto Claudio Coccoluto, che farà ballare fino a tarda notte con uno special event organizzato in partnership con il collettivo di dj palermitani Silencio.

Tanto lo spazio dedicato agli artisti siciliani: Alessio Bondì, cantautore che firma le sue liriche in dialetto siciliano, Matilde Politi & Simona Di Gregorio che accostano i canti dalla tradizione orale siciliana a brani originali, Sergio Beercock metà inglese metà siciliano, e poi ancora The Daggs, una giovane band che canta e scrive in arbëreshe, l’antica lingua ancora parlata a Piana degli Albanesi e Chris Obehi polistrumentista nigeriano.

Tra le presenze italiane anche Tommaso Colliva, produttore internazionale e fondatore dei Calibro 35, con le sue selezioni Funk & Soul; e infine per gli amanti dell’elettronica  ci sarà DONATO, i dj set di Corrado Fortuna, Jungla EST, Democrazia Tropicale, Sound Butik, Silencio, Stoner & Ethik.

Mondo Sounds è il primo festival musicale plastic free della Sicilia.

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona