San Vito Lo Capo, il sindaco: "No allo sversamento in mare dei fanghi del porto di Trapani" :ilSicilia.it
Trapani

LA DENUNCIA

San Vito Lo Capo, il sindaco: “No allo sversamento in mare dei fanghi del porto di Trapani”

di
14 Novembre 2021

I fanghi derivanti dall’escavazione dei fondali del porto di Trapani non vanno sversati in mare. Fermo no dell’amministrazione comunale di San Vito Lo Capo alla ipotesi, ventilata in queste ore, di riversare in un tratto di mare prospiciente la Riserva naturale orientata di Monte Cofano, a circa 2,5 miglia nautiche dalla costa di Custonaci e in prossimità del litorale di San Vito Lo Capo, i fanghi provenienti dall’escavazione dei fondali del porto del capoluogo di provincia.

Il mare incontaminato di quel tratto di costa è uno scrigno, ricco dal punto di vista ambientale e di specie ittiche che lo popolano, che va tutelato da qualsiasi elemento estraneo e potenzialmente inquinante che possa turbare l’ ecosistema marino e rischiare di deturparne le acque cristalline – afferma il sindaco Giuseppe Peraino. L’ipotesi di riversare in mare circa 415 mila metri cubi di fanghi costituirebbe un rischio ambientale ed anche economico. Basti pensare a coloro che vivono di pesca, ma anche in termini di danno di immagine ai fini turistici, se consideriamo i tanti visitatori che apprezzano proprio quel tratto costiero per la sua bellezza selvaggia e la limpidezza del suo mare. Lo sversamento dei fanghi in mare- conclude il sindaco- non può essere la soluzione al problema del loro smaltimento“.

Il sindaco invierà una nota all’Autorità portuale di sistema della Sicilia occidentale e alla Regione per chiedere, qualora la notizia ventilata in queste ore fosse vera, di rivedere tale decisione. In caso contrario, sindaco e amministrazione comunale sono “pronti ad avviare qualsiasi iniziativa che possa bloccare uno scempio ai danni del patrimonio ambientale, alla flora e alla fauna auspicando la partecipazione solidale non solo dei sindaci dei vicini Comuni costieri ma anche delle altre Istituzioni e della società civile“, ricordando che proprio grazie a una mobilitazione generale venne bloccata, negli anni ’70, la nascita di una raffineria, sempre in quel tratto di mare.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.