Sangue tra i vestiti del senzatetto che vive nel cuore del centro storico a Palermo. "Le istituzioni lo aiutino" :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia delle associazioni

Sangue tra i vestiti del senzatetto che vive nel cuore del centro storico a Palermo. “Le istituzioni lo aiutino”

10 Settembre 2018

Un cero, una bottiglia d’acqua, un materasso e dei sacchi con dei vestiti usati, un povero senzatetto che ormai da tempo ha stabilito la sua dimora negli anfratti di uno dei monumenti più antichi della città, nella piazza dove svettano le chiese di San Cataldo e della Martorana, di fronte a Palazzo delle Aquile, praticamente sotto gli occhi del Sindaco, oggi sanguinava vistosamente.

senzatetto-palermoUn fatto inaccettabile sotto gli occhi indifferenti della gente che, probabilmente, si straccia le vesti pubblicamente per altre situazioni che non riguardano direttamente i concittadini”, scrivono dall’associazione Comitati Civici Palermo che ha denunciato il fatto alle autorità competenti.

Il senzatetto che si è stabilito dentro i resti delle mura puniche ai piedi della chiesa di San Cataldo è stato notato dal presidente dell’associazione Giovanni Moncada che ha segnalato il fatto alle forze dell’ordine a guardia di palazzo delle Aquile e ha scritto al Comando di via Dogali.

Fino a questo momento -aggiungono- non è successo nulla e gli stracci imbevuti di sangue sono ancora dentro al giaciglio. Noi abbiamo fatto il nostro dovere, nella speranza che qualcuno delle istituzioni dia un aiuto concreto a questa persona“.

Un senzatetto si è stabilito in un uno dei monumenti più antichi di Palermo. Città dell’accoglienza?

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Che Vuoi che Sia?

Basta che uno di questi missili venga lanciato “per errore”, che questi giocatori di Risiko non da tavolo, ma con le vite altrui, sbaglino ………. e un missile giunga su di noi, “finiu u cinema”!