Sanità, assistenza domiciliare: "Superato il vecchio modello con uno più efficace" :ilSicilia.it

nuove regole per l'accreditamento dei servizi

Sanità, assistenza domiciliare: “Superato il vecchio modello con uno più efficace”

14 Giugno 2019

“La scelta adottata dall’Assessore alla Sanità, Ruggero Razza, di superare il modello seguito in passato nelle  procedure di espletamento delle gare per i servizi ADI – assistenza domiciliare integrata  – e di sposare il metodo dell’accreditamento risponde a criteri di efficienza ed efficacia e pone la Sicilia all’avanguardia nel panorama nazionale”: a dichiararlo sono Gaetano Mancini, Presidente di Confcooperative Sicilia, Giuseppe Milanese, Presidente di Confcooperative Sanità e Tino Cundari Presidente di Confcooperative Sanità Sicilia.

“L’esperienza delle gare al massimo ribasso fin qui adottata ha paradossalmente prodotto costi più elevati per la pubblica amministrazione, contenziosi lunghissimi con danni ulteriori e, soprattutto, ha spesso sacrificato le migliori scelte per il servizio agli utenti”.

“Si apre adesso una stagione nuova che, adottate le scelte in merito ai criteri di accreditamento, potrà mettere al centro i bisogni degli utenti che avranno la possibilità di scegliere in base alla qualità del servizio”.

“Si tratta di una riforma che assicurerà ai cittadini siciliani in condizione di fragilità e non autosufficienza, maggiori diritti, con servizi più accessibili e di maggiore qualità, garantendo quella continuità assistenziale fuori dall’ospedale che è il tallone d’Achille del nostro sistema”.

“Lo sviluppo del modello di accreditamento potrà quindi garantire qualità, continuità e semplificazione per gli assistiti; stabilità, crescita professionale, prospettiva per gli operatori; certezza delle regole, possibilità di crescita per le cooperative siciliane e ruolo di governo e possibilità di programmazione e controllo per le aziende sanitarie pubbliche”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.