16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.24
Palermo

Concluso percorso di stabilizzazione

Sanità, boom di assunzioni al Civico. Migliore: “Ecco altri 52 dipendenti” | FOTO

28 Marzo 2018
'
'
'
'

PALERMO  “Abbiamo il piacere di comunicare che oggi, con la sottoscrizione dei contratti di lavoro a tempo indeterminato, si è concluso il percorso di stabilizzazione per altri 52 dipendenti di Arnas Civico. Lo annuncia in una nota il direttore generale dell’azienda ospedaliera, Giovanni Migliore.

“Sono stati immessi in servizio – specifica Migliore21 dirigenti medici, 24 infermieri, 2 tecnici, 3 ingegneri ed 1 architetto. Questi ultimi si aggiungono al personale già assunto grazie all’utilizzo delle graduatorie attive e attraverso le procedure di mobilità per coloro che erano in posizione di comando e portano a 110 il numero dei nuovi dipendenti che a tutt’oggi sono stati contrattualizzati a tempo indeterminato”.

Giovanni-Migliore1
Giovanni Migliore

“A questi – prosegue la nota – si aggiungeranno a breve 9 dirigenti medici, la cui assunzione è stata già deliberata e momentaneamente sospesa in attesa del deposito della sentenza del Tar di Palermo. Saranno invece pubblicati nella prossima GURS di venerdì 30 marzo i bandi riservati a coloro in possesso dei requisiti in conformità alle previsioni della Legge Madia, per un totale di 29 posti per dirigenti e 112 del comparto. In totale quindi – conclude Migliore – al termine delle procedure saranno stati assunti complessivamente 260 nuovi dipendenti a tempo indeterminato”.

 

Scorri in alto la foto-gallery

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.