Sanità, dalla Regione oltre cento milioni per il nuovo ospedale di Siracusa :ilSicilia.it
Siracusa

ieri la decisione della Giunta di programmare le risorse

Sanità, dalla Regione oltre cento milioni per il nuovo ospedale di Siracusa

di
20 Ottobre 2018

Buone notizie all’orizzonte per la sanità a Siracusa che, stando a quanto annunciato eri dal presidente della Regione, Nello Musumeci, avrà un nuovo ospedale.

Non siamo più disponibili a fare finta di nulla – ha detto il governatore a margine dei lavori di governo – perché la situazione complessiva è intollerabile e non si può più attendere. A Siracusa ci vuole un nuovo ospedale”.

È di ieri, infatti, la decisione della Giunta di programmare le risorse necessarie per la costruzione del nuovo nosocomio e invitare tutti i soggetti istituzionali a definire, ciascuno per la propria competenza, tutti gli adempimenti indispensabili per l’individuazione dell’area.

musumeci“La realizzazione della struttura ha un costo preventivato di 140 milioni di euro e riveste un carattere di priorità nell’ambito della programmazione regionale delle infrastrutture sanitarie”, si legge in una nota.

La road map prevede: la convocazione del sindaco e del presidente del Consiglio comunale di Siracusa, nonchè del Commissario del Libero Consorzio (ex Provincia), per valutare la tempistica necessaria all’individuazione dell’area sulla quale realizzare il nuovo ospedale.

Poi seguirà la formale programmazione della risorse. Vecchia storia quella dell’ospedale aretuseo, fatta di annunci ai quali molto spesso non sono seguiti atti amministrativi.

La deliberazione adottata dal governo – prosegue la nota – rileva, tra le criticità delle passate gestioni, che nel corso degli ultimi anni sono state valutate congiuntamente dalla Direzione strategica aziendale e dall’amministrazione comunale di Siracusa varie soluzioni, tra cui si richiamano a titolo di esempio l’utilizzo dell’area prospiciente l’ex Onp, di proprietà comunale ovvero l’utilizzo di alcune aree di proprietà del demanio marittimo, ma la difficoltà di quantificare a oggi i costi di esproprio e i tempi di realizzazione non hanno contribuito alla definitiva e ormai improcrastinabile scelta dell’area sulla quale fare insistere il nuovo edificio“.

L’ospedale – aggiunge Musumeci è un’opera strategica per il mio programma di governo. Grazie alla nuova struttura verranno superate alcune delle criticità relative alla sicurezza simica e alle condizioni di inadeguatezza che caratterizzano gli attuali edifici e, nel contempo, ci sarà un miglioramento complessivo dell’assetto organizzativo con un’offerta sanitaria a favore dei cittadini più ampia e diversificata”.

“I cittadini aggiunge l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza – hanno sentito parlare fin troppe volte del nuovo ospedale e, a ragione, non credono più agli annunci. Oggi il governo della Regione fissa un punto fermo e individua un metodo di lavoro. Credo che la nuova struttura debba sorgere il più possibile vicino all’autostrada ma occorre un confronto con le istituzioni locali per fissare tempi certi e un percorso rapido”.

 

Leggi anche:

Dalla Regione al via finanziamenti per 59 ospedali siciliani. Stanziati 224 milioni

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.