Sanità: giovani medici scendono in piazza: "Basta imbuti formativi" :ilSicilia.it
Catania

CAMICI BIANCHI IN PIAZZA A PALERMO E CATANIA

Sanità: giovani medici scendono in piazza: “Basta imbuti formativi”

di
29 Maggio 2020

I giovani medici scendono in piazza anche in Sicilia contro “l’imbuto formativo” che contraddistingue la sanità in Italia.

I MOTIVI DELLA PROTESTA

Gruppi di manifestanti sono scesi in piazza sia a Palermo che a Catania, sotto lo slogan “Uniti per il servizio sanitario nazionale“.

I camici bianchi denunciano “le gravi carenze della formazione specialistica“. Inoltre, sottolineano “il problema dell’imbuto formativo che tiene fuori dagli ospedali e dagli ambulatori della medicina generale migliaia di medici“.

Come ricorda uno dei presenti alla manifestazione in centro a Palermo, “molti medici appena laureati non riescono ad affrontare un adeguata formazione post-laurea per mancanza di borse di specializzazione“.

La protesta era iniziata a dicembre 2019 in fase di Legge di Bilancio, con la richiesta di stanziamento di fondi per finanziare i contratti di specializzazione. Poi l’emergenza covid-19 aveva fatto passare la vicenda in secondo piano.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.