Sanità: in Sicilia al via il SovraCup, il sistema digitale per ridurre le lunghe liste d'attesa :ilSicilia.it

Per integrare centri unici e agevolare cittadini

Sanità: in Sicilia al via il SovraCup, il sistema digitale per ridurre le lunghe liste d’attesa

di
12 Ottobre 2019

Ha preso il via il percorso che porterà alla realizzazione del SovraCup integrato, il sistema centralizzato di condivisione e prenotazione dell’offerta delle prestazioni sanitarie che punta a supera gli attuali limiti territoriali attraverso la cooperazione tra i Centri unici di prenotazione provinciali. Nei giorni scorsi sono stati perfezionati i contratti tra la Regione e il raggruppamento di imprese formato da Almaviva, Almawave, Indra Italia e Pwc Coopers Advisoring.

Il progetto, messo in campo dal governo Musumeci nell’ambito di un più vasto piano di digitalizzazione della Sicilia, prevede dei rilasci progressivi con la messa in esercizio del sistema, a gennaio 2021, che avverrà federando i Cup di Catania, Messina ed Enna per poi includere, nella primavera dello stesso anno, tutte le strutture (pubbliche e private) del Sistema sanitario regionale.

Ruggero Razza
Ruggero Razza

Stiamo agendo – dice l’assessore alla Salute Ruggero Razza – su tre assi: l’ammodernamento dell’infrastrutturazione sanitaria, il reclutamento di tanti professionisti e ovviamente l’innovazione tecnologica. A pieno regime, il SovraCup renderà più semplice l’accesso alle visite specialistiche migliorando la vita dei cittadini e quella degli operatori del nostro Sistema sanitario”.

Mediante il SovraCup si agevolerà l’accesso alle prestazioni del servizio sanitario facilitando l’accessibilità alle strutture erogatrici di prestazioni specialistiche. Sarà così possibile evitare le prenotazioni multiple, che allungano notevolmente i tempi di attesa, e si avrà inoltre un costante monitoraggio delle liste d’attesa e dell’appropriatezza delle prescrizioni.

ARMAO“Nei diversi settori dell’amministrazione regionale – aggiunge l’assessore all’Economia Gaetano Armao – stiamo conducendo un articolato processo di rigenerazione digitale che consente di semplificare e rendere più trasparente il rapporto con cittadini e imprese. Entro la fine dell’anno ulteriori servizi digitali saranno attivati, mentre ci prepariamo al digitalday che si terrà martedì prossimo a Palermo. In particolare, il SovraCup permetterà di allineare territori e offerta sanitaria, accorciando soprattutto i tempi delle liste d’attesa”.

Tra le novità più significative c’è l’interfaccia web: un portale che permetterà a tutti i soggetti coinvolti nel processo di gestione delle prestazioni (dagli operatori Cup locali ai medici di Medicina generale, dai farmacisti e ovviamente al cittadino stesso) di effettuare e gestire una prenotazione provvedendo anche al pagamento del ticket tramite PagoPa.

Il cittadino, in pratica, avrà a disposizione un’app per la prenotazione delle visite che, tramite lettura del codice a barra della ricetta ‘dematerializzata‘, gli ricorderà poi la data dell’appuntamento, dando anche le indicazione del percorso per il raggiungimento della struttura sanitaria che erogherà la prestazione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.