Sanità in Sicilia: botta e risposta tra Barbagallo e Razza :ilSicilia.it

le dichiarazioni

Sanità in Sicilia: botta e risposta tra Barbagallo e Razza

di
30 Luglio 2020

“Siamo molto preoccupati per lo stato in cui versa il sistema sanitario regionale. Il Pd è per una sanità più giusta ed equa che parta dai territori e che sia a misura di cittadino in tutto il territorio regionale. L’ospedale di Bronte, da questo punto di vista, è il caso emblematico dei disastri della sanità siciliana”.

Lo dice il segretario regionale del Pd, Anthony Barbagallo che, come primo atto ufficiale, ha scelto il “Castiglione Prestianni” di Bronte, per denunciare le gravi carenze dell’intero sistema sanitario siciliano.

“Abbiamo fatto numerosi atti ispettivi – prosegue Barbagallo – che riguardano non solo il fermo dei lavori di ampliamento del nosocomio, ma anche le gravissime carenze di personale, confermate anche nel sopralluogo di oggi con reparti come il Pronto soccorso, Cardiologia, Laboratorio di analisi, ortopedia, in cui si registra una carenza di oltre il 70% dei medici previsti in pianta organica. Ci sono grosse responsabilità anche da parte di chi ha la gestione e il controllo dell’attività del personale: ad esempio, ci sono due medici dell’ospedale di Bronte che inspiegabilmente vengono trasferiti in servizio ad altri presidi territoriali solo per compiacere qualche amico degli amici. Oggi il Pd – afferma – denuncia queste gravi violazioni e gli atteggiamenti compiacenti e omertosi che danneggiano i cittadini, i pazienti e l’intera comunità”.

Ruggero Razza risponde

ll segretario regionale del Pd farebbe bene a non utilizzare gli ospedali come terreno di campagna elettorale per i sindaci amici. Il caso di Bronte è emblematico: un ospedale che era stato letteralmente abbandonato, quando Barbagallo era assessore regionale del governo Pd, oggi ha visto ormai quasi conclusi i lavori per il nuovo pronto soccorso, solo per fare un esempio“. Così l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

L’Asp di Catania, su mio impulso, ha anche sottoscritto una convenzione con il Policlinico-San Marco per potenziare l’ortopedia che, con il nuovo atto aziendale, è stata mantenuta come unità operativa. Certo, come in ogni parte d’Italia, esistono difficoltà nel reperimento del personale ma a queste stiamo ponendo attenzione – aggiunge – Se Barbagallo è preoccupato per gli ospedali dei piccoli centri, farebbe bene a ricordarsi che sotto il suo governo erano tutti a rischio chiusura. Ritengo, infine, di pessimo gusto girare le strutture ospedaliere con sindaci candidati alle elezioni e nel mezzo di una campagna elettorale. Ma ognuno ha le sue abitudini e il suo stile”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.