Sanità in Sicilia: botta e risposta tra Barbagallo e Razza :ilSicilia.it

le dichiarazioni

Sanità in Sicilia: botta e risposta tra Barbagallo e Razza

di
30 Luglio 2020

“Siamo molto preoccupati per lo stato in cui versa il sistema sanitario regionale. Il Pd è per una sanità più giusta ed equa che parta dai territori e che sia a misura di cittadino in tutto il territorio regionale. L’ospedale di Bronte, da questo punto di vista, è il caso emblematico dei disastri della sanità siciliana”.

Lo dice il segretario regionale del Pd, Anthony Barbagallo che, come primo atto ufficiale, ha scelto il “Castiglione Prestianni” di Bronte, per denunciare le gravi carenze dell’intero sistema sanitario siciliano.

“Abbiamo fatto numerosi atti ispettivi – prosegue Barbagallo – che riguardano non solo il fermo dei lavori di ampliamento del nosocomio, ma anche le gravissime carenze di personale, confermate anche nel sopralluogo di oggi con reparti come il Pronto soccorso, Cardiologia, Laboratorio di analisi, ortopedia, in cui si registra una carenza di oltre il 70% dei medici previsti in pianta organica. Ci sono grosse responsabilità anche da parte di chi ha la gestione e il controllo dell’attività del personale: ad esempio, ci sono due medici dell’ospedale di Bronte che inspiegabilmente vengono trasferiti in servizio ad altri presidi territoriali solo per compiacere qualche amico degli amici. Oggi il Pd – afferma – denuncia queste gravi violazioni e gli atteggiamenti compiacenti e omertosi che danneggiano i cittadini, i pazienti e l’intera comunità”.

Ruggero Razza risponde

ll segretario regionale del Pd farebbe bene a non utilizzare gli ospedali come terreno di campagna elettorale per i sindaci amici. Il caso di Bronte è emblematico: un ospedale che era stato letteralmente abbandonato, quando Barbagallo era assessore regionale del governo Pd, oggi ha visto ormai quasi conclusi i lavori per il nuovo pronto soccorso, solo per fare un esempio“. Così l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

L’Asp di Catania, su mio impulso, ha anche sottoscritto una convenzione con il Policlinico-San Marco per potenziare l’ortopedia che, con il nuovo atto aziendale, è stata mantenuta come unità operativa. Certo, come in ogni parte d’Italia, esistono difficoltà nel reperimento del personale ma a queste stiamo ponendo attenzione – aggiunge – Se Barbagallo è preoccupato per gli ospedali dei piccoli centri, farebbe bene a ricordarsi che sotto il suo governo erano tutti a rischio chiusura. Ritengo, infine, di pessimo gusto girare le strutture ospedaliere con sindaci candidati alle elezioni e nel mezzo di una campagna elettorale. Ma ognuno ha le sue abitudini e il suo stile”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin