Sanità: in un bene confiscato alla mafia nasce la nuova guardia medica di Partinico :ilSicilia.it
Palermo

investiti nella struttura 40 mila euro

Sanità: in un bene confiscato alla mafia nasce la nuova guardia medica di Partinico

di
20 Gennaio 2018

Una struttura autonoma con ingresso indipendente dotata di spazi esterni e fornita di tutte le attrezzature che consentono di erogare un servizio di qualità all’utenza: così si presenta la nuova guardia medica di Partinico realizzata dall’Asp di Palermo in un edificio di via Benevento 26 confiscato alla mafia.

Dopo i lavori di ristrutturazione e riqualificazione è stata attivata, stamane, dal commissario dell’azienda sanitaria provinciale, Antonio Candela, dal direttore sanitario aziendale e direttore del distretto 41, Silvana Muscarella, alla presenza, tra gli altri, del procuratore generale di Caltanissetta, Sergio Lari, e del commissario del Comune di Partinico, Maurizio Agnese.

“Un bene confiscato alla mafia – ha sottolineato Candela – diventa un punto di riferimento per l’intera comunità che potrà usufruire di prestazioni mediche in locali efficienti e funzionali. Siamo orgogliosi di potere consegnare ai cittadini di Partinico una struttura che assume anche il valore di un vero e proprio presidio di legalità”.

In seguito ad un apposito decreto dell’agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata (tramite il dipartimento regionale di pianificazione strategica dell’assessorato regionale alla Salute), l’Asp di Palermo ha stipulato un contratto di comodato d’uso gratuito con “destinazione e finalità istituzionali. L’edificio di 150 metri quadrati, è dotato di un’ampia sala d’attesa, servizi igienici dedicati anche ai diversamente abili, un ambulatorio, un altro servizio igienico dedicato alla sala visite ed uno spogliatoio per il personale medico.

“La struttura versava in precedenza in stato di completo abbandono – ha detto il direttore sanitario dell’Asp, Salvatore Russo – era stata anche oggetto di saccheggiamenti ed atti vandalici. Dopo i lavori di ristrutturazione e riqualificazione, è diventata una delle migliori guardie mediche dell’azienda“.

I lavori, che hanno comportato un investimento complessivo di 40 mila euro, hanno consentito di realizzare nuovi impianti elettrici, tecnologici e di climatizzazione oltre che di videosorveglianza. Nuovi anche gli arredi e le attrezzature. Già dai prossimi giorni la guardia medica di Partinico lascerà i vecchi locali di via Principe Umberto 224 per trasferirsi in via Benevento.

Sono complessivamente 90 le guardie mediche dell’Asp di Palermo e dieci le postazioni di guardie mediche turistiche. Nel distretto 41 di Partinico, oltre al presidio di via Benevento 26, sono presenti anche a Balestrate, Borgetto, Camporeale, Giardinello, Montelepre, San Cipirrello, San Giuseppe Jato e Trappeto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco