30 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.47

Tutti i direttori generali

Sanità, la giunta siciliana ha deciso i manager: ecco i nomi

18 Marzo 2019

La giunta regionale ha deliberato le nomine nelle strutture ospedaliere e nelle Asp siciliane. In precedenza era stata pubblicata la rosa dei nomi dai quali attingere tra le persone idonee.

All’Azienda ospedaliera per l’emergenza Cannizzaro di Catania viene destinato Salvatore Emanuele Giuffrida. Confermate le voci che volevano Walter Messina all’Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello.

All’ospedale Papardo di Messina ecco la nomina di Mario Paino. All’Arnas Garibaldi di Catania approda Fabrizio De Nicola, mentre Roberto Colletti diventa direttore generale dell’ospedale Arnas Civico di Palermo.

All’Asp di Trapani arriva l’avvocato Fabio Damiani, mentre all’omologa struttura di Siracusa arriva Salvatore Lucio Ficarra. All’Azienda sanitaria provinciale di Palermo confermati i pronostici che davano Daniela Faraoni alla direzione generale.

All’Asp di Messina ecco Paolo La Paglia, il cui nome, anche in questo caso, era già stato anticipato. A Enna, sempre per quel che concerne la direzione generale dell’Asp, ecco Francesco Iudica, così come era stata anticipata quella di Maurizio Letterio Lanza all’Azienda sanitaria provinciale di Catania.

Alla direzione generale dell’Azienda sanitaria provinciale di Caltanissetta approda Alessandro Caltagirone, a quella di Ragusa Angelo Aliquò. Infine, all’Asp di Agrigento il nuovo direttore generale è Giorgio Giulio Santonocito.

 

Leggi anche: 

Manager della sanità siciliana, pubblicate le rose dei nomi. Ecco chi sono

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Decidere in quale corteo sfilare

Il 19 Luglio ci rammenterà che cosa significa essere servitore dello Stato anche quando questo sembra dimenticarsi di te. Grande ammirazione per un comandante che fa il suo dovere e va avanti per il suo credo nella sua rotta.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.