Sanità, maxi simulazione al nuovo Policlinico di Catania | FOTO :ilSicilia.it
Catania

il test prima dell'inaugurazione

Sanità, maxi simulazione al nuovo Policlinico di Catania | FOTO

11 Novembre 2018

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Il nuovo Pronto Soccorso del Policlinico di Catania ha retto all’urto ricreato nello stress test che ha simulato una maxi emergenza sanitaria provocata da due distinti eventi calamitosi, uno sull’Etna e l’altro nella zona Nord di Catania.

È la considerazione analizzata dagli esperti al termine della  esercitazione avviata stamane alle 10,30 e andata avanti fino al  pomeriggio. In pratica, secondo quanto immaginato nella simulazione, la nuova  struttura di via Santa Sofia accoglieva già circa 25 pazienti ed è  stato sovraccaricata dall’arrivo di altri 75 persone, molte delle  quali classificate in codice rosso e giallo, provenienti dai due  scenari riprodotti.

Gli accessi sono avvenuti con le ambulanze del SEUS 118, delle  Misericordie, della Polizia e della CRI, con gli elicotteri della  Guardia di Finanza e del 118, ma sono state numerose le persone giunte  con mezzi propri. In ogni area del pronto soccorso è  stata fedelmente riprodotta una  condizione di criticità, scaturita dal massiccio afflusso di pazienti.  Fra le condizioni simulate, anche la preoccupazione dei familiari che  sono stati presi in carico dalle nuove figure professionali hostess e steward, presenti nel nuovo PS.

pronto soccorso, incidenteLa simulazione si è conclusa, nel pomeriggio, con un vertice in cui  sono stati analizzati i risultati ottenuti. Al debriefing, curato dal Crimedim, Centro di Ricerca in medicina  d’emergenza e dei disastri, dell’università del Piemonte Orientale,  erano presenti il Presidente della Regione, Nello Musumeci,  il  Sottosegretario agli Interni, Stefano Candiani, e l’assessore  regionale alla Salute, Ruggero Razza.
A seguire attentamente i lavori, anche, il Prefetto, Claudio Sammartino, il Questore Alberto Francini, il Comandante dei  Carabinieri, Colonnello Raffaele Covetti e il Comandante della Guardia  di Finanza, Antonio Nicola Quintavalle Cecere.

“Quella messa in campo oggi è stata una importantissima attività che  ha permesso di testare l’efficacia del pronto soccorso del  Policlinico, ormai prossimo all’apertura, consegnandoci anche una  grande conferma: la capacità di fare squadra”, ha dichiarato  l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza che sin dal mattino  ha seguito ogni fase dell’esercitazione.

“Questa equipe – continua Razza – ha lavorato con la massima  professionalità e competenza e voglio ringraziare tutti: i medici, gli  infermieri, gli OSS, il personale del 118, gli steward, i militari  della Guardia di Finanza, gli agenti della Polizia e la Protezione civile. Infine un ringraziamento sentito, dopo questi tragici giorni di lutto per la Sicilia, al mondo del volontariato e agli uomini del Soccorso Alpino”.

L’iniziativa, promossa dall’azienda Policlinico Vittorio Emanuele di Catania con il supporto tecnico della Scuola di specializzazione di  Anestesia e Rianimazione dell’università di Catania, diretta dalla  Prof.ssa Marinella Astuto, ha riproposto in modo realistico  l’intervento di soccorritori, medici, infermieri, operatori  socio-sanitari e altro personale in seguito ad una calamità naturale ‘avvenuta’ sull’Etna e nella zona nord di Catania. Le operazioni sono state coordinate dal Prof. Paolo Murabito, in forza all’UO di Anestesia e Rianimazione del Policlinico Vittorio Emanuele.

elicottero 118 elisoccorsoParticolarmente soddisfatto il Direttore Generale, Giampiero Bonaccorsi, che ha seguito le operazioni direttamente dall’interno decidendo di essere una delle vittime della catastrofe. Soccorso all’interno di una grotta, sita a Ragalna, è stato trasportato in elisoccorso presso la struttura sanitaria in codice rosso.

“Questa simulazione ha rappresentato un momento importantissimo per  noi che ci accingiamo a fornire alla città un innovativo pronto  soccorso – dice Bonaccorsi –. Ho deciso di valutare personalmente il momento di criticità per capire se c’era qualcosa da perfezionare e per osservare la prospettiva di  una vittima in attesa di aiuto”.

Presente a monitorare l’intera giornata il Direttore Sanitario, Antonio Lazzara, che, compiaciuto, a conclusione della simulazione ha  affermato: “La struttura è quasi pronta ad aprire le porte alla città, le criticità riscontate oggi saranno oggetto di attività di perfezionamento nel corso della prossima settimana, per far sì che il 18 sia tutto funzionante”.

A supervisionare, nell’aspetto pratico le attività, il Direttore del Pronto Soccorso, Giuseppe Carpinteri che ha coordinato le procedure  interne di accoglienza dei feriti e seguito le operazioni di  smistamento nelle varie aree dopo la fase di triage.

La manifestazione ha visto anche la partecipazione del Magnifico Rettore, Francesco Basile che, anche in qualità di dirigente del  collegio dei sanitari, ha sottolineato l’importanza di questo momento  per tutto il personale sanitario. Dal punto di vista universitario,  sottolinea inoltre, la piena soddisfazione nell’essere riusciti a far partire, nell’azienda sanitaria di riferimento, questa struttura.

rianimazione-118-incidenteAlla simulazione, patrocinata dall’Assessorato regionale alla Salute e dall’università di Catania, oltre ai sanitari e gli elicotteri del 118, hanno preso parte gli uomini della polizia e gli elicotteri della  Guardia di finanza, i volontari del Corpo nazionale Soccorso Alpino  con il supporto del Dipartimento di Protezione civile.

I tecnici del  soccorso Speleologico hanno provveduto a prestare il primo soccorso medicalizzato e a portare fuori, con barella speleologica, i feriti (3 codici rossi e 3 gialli).

 

LEGGI ANCHE:

Policlinico di Catania, prove tecniche alla nuova elipista | FOTO

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.