Sanità: perdere peso riduce il rischio cancro al seno :ilSicilia.it

Lo studio

Sanità: perdere peso riduce il rischio cancro al seno

di
13 Gennaio 2020

Il rapporto tra riduzione del peso corporeo e rischio di tumore alla mammella nelle donne è rimasto incerto fino ad oggi.

E’ stata pubblicata nel mese di dicembre 2019 su Journal of the National Cancer Institute una importante ricerca che ha usato I dati del “Pooling Project of Prospective Studies of Diet and Cancer” (DCPP).

Il DCPP è un consorzio internazionale di studi prospettici nato nel 1991 per esaminare le associazioni tra I fattori dietetici e il rischio di cancro fra le donne senza storia pregressa di neoplasia (ad eccezione del cancro cutaneo non melanoma). I ricercatori di varie università internazionali e della società americana di oncologia hanno incluso nell’analisi i dati di 180.000 donne di età uguale o superiore a 50 anni di dieci studi prospettici.

La valutazione del peso ha riguardato un periodo complessivo di 10 anni con le variazioni di peso valutate con intervalli di 2 e 5 anni. Al contrario di altri studi fino ad ora pubblicati questo ha avuto un numero di soggetti significativo per potere rispondere alla importante domanda se una perdita di peso sostenuta nel tempo ha un impatto sul rischio di cancro mammario. I dati sono molto impressivi.

La perdita di peso è risultata sempre favorevole rispetto ad un peso stabile e diventa significativa già a partire da una perdita di peso di soli 2 kg per arrivare ad una massima riduzione del rischio di cancro mammario del 32% quando la perdita di peso è maggiore o uguale a 9 Kg. Inoltre il maggiore beneficio lo hanno le donne che hanno un indice di massa corporea uguale o superiore a 25Kg/m2.

Tuttavia, questa associazione positiva si perde nelle donne sottoposte a terapia ormonale sostitutiva. In conclusione, perdere peso e mantenere il risultato nel tempo riduce il rischio di cancro della mammella nelle donne di età uguale o superiore a 50 anni con un peso uguale o superiore a 64 kg (in una donna di 160 cm di altezza). I dati sostengono l’ipotesi che anche nel caso di guadagno del peso corporeo negli anni decidere di perderlo in modo stabile genera un beneficio.

Queste evidenze assieme a quelle che dimostrano il legame negativo tra peso corporeo e malattie cardiovascolari e metaboliche dovrebbe far riflettere i nostri decisori in campo sanitario sulla necessità di politiche aggressive di controllo del peso corporeo nella popolazione che non solo migliorerebbero la qualità della vita e dello stato di salute ma renderebbero più sostenibile un sistema sanitario nazionale e regionale ancora indietro sulle tematiche della prevenzione, almeno in questo settore e, dall’altra parte, sulla gestione delle cronicità e della complessità in pazienti sempre più anziani che è il vero problema da affrontare subito e con urgenza cercando di recuperare il tempo perduto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.