Sanità, Razza all'Antimafia regionale sul Dasoe: "Imminente la nomina del nuovo dirigente" :ilSicilia.it

l'audizione

Sanità, Razza all’Antimafia regionale sul Dasoe: “Imminente la nomina del nuovo dirigente”

di
3 Agosto 2021

Seduta della commissione Antimafia regionale dedicata alla Sanità, con l’audizione dell’Assessore regionale Ruggero Razza che ha risposto alle domande del Presidente Claudio Fava e dei commissari.

Razza ha annunciato che è “imminente la nomina del dirigente” del DASOE dopo che – in seguito all’indagine che ha coinvolto Maria Letizia Diliberti e le successive dimissioni – la reggenza del Dipartimento è stata affidata a Mario La Rocca, unico dirigente generale rimasto. Su un possibile conflitto di interessi di quest’ultimo, Razza ha spiegato in Commissione Antimafia all’Ars come “Le tematiche in possibile conflitto di interessi sono demandate all’avvocato generale“.

Sull’interim a Musumeci durante il periodo di assenza di Razza da Palazzo Ziino: “Ho lasciato al presidente della Regione alcuni atti e il principio della continuità è stato assicurato perché era a conoscenza degli atti. Il sistema della sanità in emergenza pandemica si fonda sulla attività delle aziende sanitarie e quindi maggiormente propenso alla continuità“, ha detto il componente della giunta Musumeci.

Penso che l’abitudine era questa e nessuno prima di ora aveva mai posto come obiettivo strategico. Quindi se vedremo cadere qualche direttore generale proprio su questo, forse, sarà inteso in maniera diversa“, ha detto invece Razza rispondendo alle domande sugli uffici Anticorruzione e sul loro lavoro. “L’anticorruzione – ha aggiunto l’esponente del governo regionale – rischia di comportarsi come una certa antimafia. L’anticorruzione si nutre di comportamenti e procedure e nell’applicazione del principio di trasparenza, all’interno della Pubblica Amministrazione. Questo obiettivo deve essere inteso come prioritario“.

Sul funzionamento della centrale unica di committenza (Cuc) per la sanità, intenzione del Governo regionale è quella di rafforzare “le procedure insieme al Consip, rivolgendoci al loro supporto tecnico e integrando le procedure di bando. Avremo penso, entro la fine dell’estate, un report sui sei mesi della Cuc e le procedure che si sono prese in esame“, ha detto Razza nel corso dell’audizione in Commissione Antimafia regionale. “Alcune procedure che abbiamo accentrato – ha affermato – credo che abbiano funzionato molto bene, penso alla gara per il rinnovo delle ambulanze del servizio di emergenza urgenza“.

Sull’evoluzione del sistema sanità in Sicilia, Razza ha sottolineato: “Abbiamo il maggior numero cantieri aperti e siamo l’unica regione ad avere ricevuto anticipazione delle somme” per il potenziamento degli ospedali dopo lo scoppio dell’emergenza pandemica.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin