Santa Rita ai tempi del COVID: a Palermo messa a porte chiuse e fedeli sul sagrato | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

tanti i fedeli che ogni anno le rendono omaggio

Santa Rita ai tempi del COVID: a Palermo messa a porte chiuse e fedeli sul sagrato | VIDEO

22 Maggio 2020

Guarda il video in alto

Il 22 maggio, giorno in cui la chiesa celebra Santa Rita da Cascia, a Palermo le vie del centro storico, quelle intorno al Teatro Massimo e alla Chiesa di Sant’Agostino, si affollano di persone e si tingono di macchie colorate che altro non sono che vasi stracolmi di rose da fare benedire.

Ogni hanno è così perché la devozione in città è forte per la “santa dei casi impossibili“: una fiumara di persone va e viene durante l’arco della giornata, normalmente, scandita da continue messe e benedizioni.

Santa Rita COVID
sagrato della chiesa di Sant’Agostino a Palermo

Il coronavirus ha interrotto anche questa ritualità ma i fedeli a Palermo hanno omaggiato ugualmente Santa Rita: alle 12, infatti, nella Chiesa di Sant’Agostino, seppur al fine di evitare assembramenti a porte chiuse, è stata celebrata una messa che i fedeli, radunati sui gradini e ai lati dell’edificio, hanno potuto seguire grazie alla diffusione in esterno, partecipando anche alla simbolica benedizione delle rose.

Alle 17, di oggi pomeriggio, con la stessa modalità verrà recitato il Santo Rosario e alle ore 17,3o verrà celebrata un’altra messa in onore di Santa Rita che si potrà seguire in streaming sui canali social.

Santa Rita e le rose 

Nella fase finale della sua vita, tra digiuni e grane devozione a Dio, avvenne un altro dei tanti prodigi che segnarono il suo passaggio sulla Terra. Essendo immobile a letto, ricevette la visita di una parente la quale, nel congedarsi, le chiese se desiderava qualcosa della sua casa di Roccaporena.

Rita rispose che le sarebbe piaciuto avere una rosa dall’orto. La parente obiettò che si era in pieno inverno e quindi ciò non era possibile. Ma Rita insistette. Tornata a Roccaporena, la parente si recò nell’orticello e, in mezzo ad un rosaio, vide una bella rosa sbocciata. Stupita, la colse e la portò da Rita a Cascia la quale, ringraziando, la consegnò alle meravigliate consorelle del monastero. Così la santa vedova, madre, suora, divenne la santa della ‘Spina’ e la santa della ‘Rosa’.

Nel giorno della sua festa, in tutto il mondo, questi fiori vengono benedetti e distribuiti ai fedeli.

Publiée par Agostino Rauso sur Vendredi 22 mai 2020

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.