Santa Sofia tornerà moschea, e allora? :ilSicilia.it

L'articolo di Piero Longo

Santa Sofia tornerà moschea, e allora?

di
13 Luglio 2020

Che cosa può significare “SONO ADDOLORATO PER SANTA SOFIA” le semplici parole dette da papa Francesco su quanto accade a Istanbul?

È un discorso aperto e giustamente non intimidatorio come hanno fatto invece tutti i giornali e i notiziari occidentali di area cattolica che hanno criticato aspramente la dichiarazione del dittatore turco musulmano che restituisce la ex basilica cristiana poi moschea fino al 1937, nuovamente a luogo di culto come  moschea.

Era stata trasformata in museo da un dittatore laico per convenienza politica e perciò approvato da tutti i governi di allora, ma la decisione di questo nuovo dittatore musulmano oggi si contesta come uno scandalo politico. Certo non poteva restituirla ai cristiani ortodossi di un impero decaduto dal 1453!

Il Papa rappresenta tutti i Cristiani non solo i cattolici (bisogna ricordarselo) ma non rappresenta gli Ortodossi. La Santa Sofia giustinianea fu cattedrale dal VI secolo d.C.fino al.1453 quando nacque l’impero ottomano. Solo da circa 80 anni era dunque Museo e visitato con sbigliettamento da milioni di turisti. Non sappiamo se a pagamento, ma il dittatore in questione ha sottolineato che la Moschea -Santa Sofia – sarà aperta a tutti come del resto San Pietro a Roma.

Sul piano della autodeterminazione dei popoli e del diritto di libertà religiosa, il dittatore odierno ha il diritto di farlo ed è anzi suo dovere nei confronti di tutti i musulmani. Resta un ordine dittatoriale innegabilmente come del resto fecero in Francia gli illuministi con le chiese cattoliche e gli stessi italiani unitari nel 1866 con l’abolizione delle congregazioni religiose e l’incameramento dei beni ecclesiastici.

La frase del Papa è stata sofferta. Egli stesso ha sempre incitato le persone di buona volontà e di ogni fede religiosa ad operare per la pace nel mondo e soprattutto cristiani, ebrei e musulmani. Se i musulmani turchi riaprono come moschea una antichissima chiesa divenuta per opportunismo della modernità un museo, è solo ipocrita pretesto ricavarne lo scandalo proclamato da quegli stessi cristiani cattolici che per mancanza di fedeli hanno trasformato in musei tante chiese nella speranza di riconsacrarle al momento opportuno. Io me lo auguro sperando che ciò non accada per ordine di un dittatore.

Come cristiano preferisco che Santa Sofia torni moschea piuttosto che restare museo. Dico anche che anche i musei, per altro verso, sono luoghi sacri e dunque trovo ineffabili le parole del papa. Io sono dispiaciuto che si pensi in modo incoerente e opportunistico e che ci si serva ancora delle religioni per dividere i popoli e offendere l’intelligenza umana.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.