Santa Sofia tornerà moschea, e allora? :ilSicilia.it

L'articolo di Piero Longo

Santa Sofia tornerà moschea, e allora?

di
13 Luglio 2020

Che cosa può significare “SONO ADDOLORATO PER SANTA SOFIA” le semplici parole dette da papa Francesco su quanto accade a Istanbul?

È un discorso aperto e giustamente non intimidatorio come hanno fatto invece tutti i giornali e i notiziari occidentali di area cattolica che hanno criticato aspramente la dichiarazione del dittatore turco musulmano che restituisce la ex basilica cristiana poi moschea fino al 1937, nuovamente a luogo di culto come  moschea.

Era stata trasformata in museo da un dittatore laico per convenienza politica e perciò approvato da tutti i governi di allora, ma la decisione di questo nuovo dittatore musulmano oggi si contesta come uno scandalo politico. Certo non poteva restituirla ai cristiani ortodossi di un impero decaduto dal 1453!

Il Papa rappresenta tutti i Cristiani non solo i cattolici (bisogna ricordarselo) ma non rappresenta gli Ortodossi. La Santa Sofia giustinianea fu cattedrale dal VI secolo d.C.fino al.1453 quando nacque l’impero ottomano. Solo da circa 80 anni era dunque Museo e visitato con sbigliettamento da milioni di turisti. Non sappiamo se a pagamento, ma il dittatore in questione ha sottolineato che la Moschea -Santa Sofia – sarà aperta a tutti come del resto San Pietro a Roma.

Sul piano della autodeterminazione dei popoli e del diritto di libertà religiosa, il dittatore odierno ha il diritto di farlo ed è anzi suo dovere nei confronti di tutti i musulmani. Resta un ordine dittatoriale innegabilmente come del resto fecero in Francia gli illuministi con le chiese cattoliche e gli stessi italiani unitari nel 1866 con l’abolizione delle congregazioni religiose e l’incameramento dei beni ecclesiastici.

La frase del Papa è stata sofferta. Egli stesso ha sempre incitato le persone di buona volontà e di ogni fede religiosa ad operare per la pace nel mondo e soprattutto cristiani, ebrei e musulmani. Se i musulmani turchi riaprono come moschea una antichissima chiesa divenuta per opportunismo della modernità un museo, è solo ipocrita pretesto ricavarne lo scandalo proclamato da quegli stessi cristiani cattolici che per mancanza di fedeli hanno trasformato in musei tante chiese nella speranza di riconsacrarle al momento opportuno. Io me lo auguro sperando che ciò non accada per ordine di un dittatore.

Come cristiano preferisco che Santa Sofia torni moschea piuttosto che restare museo. Dico anche che anche i musei, per altro verso, sono luoghi sacri e dunque trovo ineffabili le parole del papa. Io sono dispiaciuto che si pensi in modo incoerente e opportunistico e che ci si serva ancora delle religioni per dividere i popoli e offendere l’intelligenza umana.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin