17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Catania

dal 26 gennaio al 12 febbraio, dalle 9 alle 19

Sant’Agata 2019, via alla mostra “Catania in Pop Art” | FOTO

26 gennaio 2019
'
'
'
'
'

SFOGLIA LE FOTO IN ALTO

“Diciotto splendide opere in stile pop art di un bravissimo artista catanese per rendere un originale omaggio alla nostra Santa Patrona”. Così il sindaco di Catania Salvo Pogliese, affiancato dall’assessore alla Cultura e ai grandi eventi Barbara Mirabella, ha aperto nelle sale dell’ex Caffè letterario del Palazzo della Cultura la mostra di pittura di Umberto Gagliano “Viva S. Agata – Catania in Pop Art”. 

“Abbiamo voluto fortemente riproporre questa moderna e accattivante esposizione – hanno detto il sindaco Pogliese e l’assessore Mirabella -nell’ambito dell’articolato programma delle festività agatine per dare una più consona collocazione temporale ad un evento che già nei mesi scorsi aveva avuto un grandissimo successo di pubblico”.

mostra sant'agataLa rassegna mette in vetrina una serie di acrilici su tela, anche di grandi dimensioni, nei quali l’artista ritrae la città ricca di colori e gente in festa per le celebrazioni in onore della Santa Patrona “così come se l’avessimo sfogliata sui fumetti dei supereroi negli anni ’60 o agli inizi dei ’70”.

Tra le candelore, il fercolo, i devoti e gli scorci pittoreschi dell’architettura cittadina è possibile scorgere il profilo di attori come Marcello Mastroianni, Gina Lollobrigida o Alberto Sordi, che a Catania sono stati interpreti di importanti pellicole e protagonisti di una “Dolce vita” che Gagliano ripropone in pieno stile Marvel.

Protagonista nelle tele anche la Sicilia, con personalità del mondo della musica, della cultura e dello spettacolo quali Vincenzo Bellini, Vitaliano Brancati, Leonardo Sciascia,  Andrea Camilleri e Angelo Musco ma anche Tuccio Musumeci e Pippo Pattavina o il siciliano d’adozione Tiberio Murgia.

pop art catania“Come devoto di Sant’Agata – ha detto Gagliano – sono felice di mettere la mia arte al servizio della Patrona. Spero che il visitatore entrando in queste sale, piuttosto che immergersi nei mondi rappresentati dai grandi disegnatori della Marvel come John Romita Sr, Jack Kirby, John Buscema, o addirittura pittori, icone della Pop-Art, come Roy Lichtenstein, possa vedere realizzarsi il processo inverso dove i volti dei personaggi dei comics di allora riappaiono nel folklore e  nelle ambientazioni catanesi di un periodo che è anche quello della mia infanzia,  caratterizzato dalle foto in polaroid e dai fumetti dei supereroi americani che hanno fortemente influenzato il mio tratto e il mio stile grafico”.

Erano presenti all’inaugurazione, tra gli altri, Monsignor Barbaro Scionti, il presidente del Comitato per la Festa di Sant’Agata Francesco Marano, il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Castiglione, i consiglieri comunali Sara Pettinato e Pippo Arcidiacono, il presidente dell’Amt Giacomo Bellavia.

La mostra, a ingresso libero, sarà aperta al pubblico dal 26 gennaio al 12 febbraio, tutti i giorni dalle 9 alle 19.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.