Sant’Agata di Militello: la Pro Loco Tortorici dona termoscanner all’ospedale e al posto fisso di Polizia :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Sant’Agata di Militello: la Pro Loco Tortorici dona termoscanner all’ospedale e al posto fisso di Polizia

di
29 Giugno 2020

Il direttivo della pro loco Tortorici, presieduto dalla presidentessa Lidia Calà Scarcione, per far fronte alla situazione emergenziale, che in questi ultimi mesi ha colpito il mondo intero e la nostra regione Sicilia, ha deciso di donare all’ospedale di Sant’Agata di Militello cinque termoscanner.

Lo scopo di questo piccolo contributo, autofinanziato dai membri del direttivo è quello di aiutare un ospedale, che da anni costituisce un punto di riferimento importante x tutto il nostro comprensorio, un ospedale le cui sorti speriamo siano risollevate, nell’interesse di tutti.

Inoltre, un altro termoscanner è stato donato al posto fisso di polizia, presidio di legalità efficiente per tutta la comunità Oricense.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.