Santo Stefano: storia e curiosità sul primo martire della cristianità :ilSicilia.it

la festa

Santo Stefano: storia e curiosità sul primo martire della cristianità

di
26 Dicembre 2021

Se il giorno dopo il Natale abbiamo un’altro giorno da festeggiare lo dobbiamo a Santo Stefano. Il 26 Dicembre è infatti la data a lui “consacrata”, il primo martire della cristianità ed è vacanza. Ma cosa si festeggia esattamente in questa giornata?

UN PO’ DI STORIA…

La storia di Santo Stefano nel corso degli anni, a causa della sua trasmissione orale, ha subito delle modifiche.

Da un punto di vista religioso, si dice che Stefano fu nominato diacono di Cristo per evangelizzare i popoli. La sua storia e le leggende collegate alla sua vita sono decisamente interessanti da conoscere.

Nella tradizione cristiana Stefano ha un’importanza fondamentale, perché è considerato il primo martire della storia. Per alcune versioni Stefano era un ragazzo ebreo, per altri greco. Quello su cui si concorda è che a un certo punto della sua vita si è convertito al Cristianesimo, diventandone una sorta di testimone vivente.

Gli storici hanno confermato che Stefano e Gesù hanno vissuto negli stessi anni e che, dopo la sua conversione, il ragazzo sia stato coinvolto dagli apostoli nel progetto di evangelizzazione, entrando nel gruppo dei sette diaconi inviati nel mondo per divulgare la parola di Cristo. Nel 36 d.C, accusato di blasfemia (anche se su false prove, solo per incastrarlo), Stefano è stato condotto davanti al Sinedrio a Gerusalemme, lo stesso davanti al quale Gesù era stato condannato a morte. A lui è toccata la stessa sorte: così è diventato il protomartire, ovvero il primo martire della storia cristiana.

PERCHE’ SI FESTEGGIA IL 26 DICEMBRE

Dal momento che Stefano è considerato come il primo uomo che si è immolato per la sua religione e per essa è stato ucciso, la Chiesa colloca simbolicamente il suo nome accanto a quello di Gesù, celebrandolo il giorno successivo a quello della nascita di Cristo.

CURIOSITA’ SU SANTO STEFANO

Una leggenda legata alla Natività, racconta che la notte di Natale, dinanzi alla capanna in cui venne al mondo Gesù, una folla si riunì per adorarlo. Tra queste c’era una ragazza che cercava di avvicinarsi a vedere Maria. La ragazza si chiamava Tesia e non aveva figli, anche se li desiderava. Pur di entrare all’interno della mangiatoia, Tesia avvolse un sasso come se fosse un bambino.

Secondo la leggenda, non appena la Madonna se ne accorge, trasformò il sasso in un bambino vero e proprio, il cui nome era Stefano.

Infine, un’ultima curiosità riguarda le reliquie del Santo sparse in giro per l’Europa. Si dice infatti che il Santo, oltre che a essere festeggiato in Italia il 26 dicembre, sia anche patrono della Serbia e che lì venga celebrato il 9 gennaio secondo il calendario gregoriano.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.