15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.22

Appuntamento domenica 14 ottobre

Sapori d’autunno: alla fattoria RurAlia la natura è servita a tavola | Il programma

11 Ottobre 2018

Con la fine dell’estate e le prime piogge la natura si prepara al riposo e regala i migliori sapori, colori ed odori dell’anno, grazie alla combinazione di zuccheri e antociani all’interno dei frutti.

ruraliaNei campi fanno capolino le verdure spontanee, tra cui il qualeddo, patrimonio naturale che ha contribuito all’alimentazione corretta di tante generazioni di lavoratori. Nel corso dei secoli, dall’uso di queste piante si è anche creata cultura grazie al tramandarsi delle ricette, sui nomi, i proverbi, i modi di dire.

Per non dimenticare la cotognata, la mostarda, le verdure spontanee, la cultura e l’identità di un territorio.

Questi naturali sapori autunnali sarà possibile assaporarli  domenica 14 ottobre alla Fattoria RurAlia, ad Alia (PA) – Contrada Porcheria SS 121 Palermo-Catania km 182.500, per prenotare 3343517518 – 3664519067.

Programma della giornata:

Ore 11 il benvenuto in fattoria con caffè e biscotto di Maiorca; a seguire sarà possibile visitare la fattoria e gli animali e fare un giro a cavallo;

Laboratorio arte bianca dei grani antichi (Perciasacchi, Maiorca): dal grano al pane con degustazione;

Laboratorio del latte e trasformazione in formaggi e ricotta con degustazione.

Ore 13 pranzo:
Pane di grani antichi cunzato con olio extravergine di oliva;

Perciasacchi con verdure spontanee e pomodoro;

Macco di fave con finocchietto selvatico e crostini di pane;

Pasta con qualeddo e ricotta;

Pasta con astratto di pomodoro, acciughe, olio extravergine e mollica atturrata;

Carni bianche e patate a forno;

Frutta di stagione;

Cotognata e Mostarda d’Uva;

Calice di Vino;

25 euro

Da 0-4 anni gratis – 4-12 anni 50%; sconto 10% per gruppi superiori a 10 adulti.

LEGGI ANCHE:

Differenze tra grani antichi di Sicilia e moderni: come scegliere la farina giusta | Videoservizio

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.