Sara Favarò, l'ambasciatrice della tradizione siciliana | Video Intervista :ilSicilia.it
Palermo

Nei suoi lavori parte sempre dalle sue radici

Sara Favarò, l’ambasciatrice della tradizione siciliana | Video Intervista

di
1 Ottobre 2018

Guarda la video intervista in alto 

Scrittrice, giornalista, saggista, attrice, cantautrice: in Sara Favarò si manifesta tutta la forza di una terra, la Sicilia, che si contraddistingue per sfaccettature e sfumature eccezionali.

Sono proprio queste ultime che la scrittrice ricerca con ostinata passione.

sara favarò

L’abbiamo incontrata in occasione della presentazione del suo lavoro, “La favole siciliane di Giovanni Meli“, favole poetiche che l’autrice ha trascritto da una copia originale dell’Ottocento, traducendole dal siciliano all’italiano e mantenendo l’originale impronta letteraria della metrica.

Parte sempre dalle sue radici siciliane la Favarò per approfondire temi che riguardano storia, tradizioni e non solo: le 54 pubblicazioni di cui è autrice annoverano testi apparentemente “più leggeri” come “Minchiate” e altri più impegnati come “Il suicidato“, un’intervista, donna a donna, mamma a mamma, ad Angela Manca, madre di Attilio, dottore ucciso presumibilmente per aver visto qualcosa o qualcuno che non doveva vedere. Il libro, con la prefazione di Salvatore Borsellino, verrà prossimamente presentato a Palermo.

E poi ancora testi e favole per bambini, stesure per musical ed eventi teatrali, fino ad estendere le sue ricerche alla traslazione di riti pagani in riti cristiani e alla comparazione di riti e miti dell’area mediterranea. Non ultimo il libro “Viva Palermo e Santa Rosalia“, articolato in più parti, una in italiano, l’altra in siciliano, che narra la storia della santa patrona della città, raccogliendo anche documenti inediti sulla vita di Rosalia Sinibaldi, aldilà delle credenze popolari. Un lavoro che porta con sé una ricerca raffinata e accurata, un punto di vista differente di Santa Rosalia.

Dagli esordi, nel 1980, ad oggi Sara Favarò ha continuato, instancabilmente, la sua ricerca ricevendo, da parte del sindaco Orlando, anche il riconoscimento di “Tessera preziosa del Mosaico Palermo“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47