Sarà riaperto il concorso per reclutare nuovi infermieri in Sicilia | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Sarà consentita la partecipazione anche agli studenti neo laureati

Sarà riaperto il concorso per reclutare nuovi infermieri in Sicilia

18 Novembre 2019

Sarà riaperto il concorso per reclutare nuovi infermieri in Sicilia in modo da consentire la partecipazione anche dei neo laureati in Scienze infermieristiche.

Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, intervenuto a Scicli nel corso della riunione del coordinamento regionale del sindacato Nursind Sicilia alla presenza del coordinatore regionale Claudio Trovato, del vice Salvo Calamia, dei dirigenti sindacali dei territori siciliani e del vicesegretario nazionale, Salvo Vaccaro. Presenti anche i deputati ragusani Giorgio Assenza e Orazio Ragusa.

Le domande presentate per i due bacini dell’isola sono state circa 10 mila mentre per la mobilità sono tra 1.700 e 2 mila. Razza ha dato mandato per concedere un’estensione dei termini solo per la parte concorsuale dell’avviso, per consentire la partecipazione anche agli studenti neo laureati che rischiavano di rimanere fuori.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.