Sas, i lavoratori restano in servizio: la decisione della Corte d'Appello :ilSicilia.it

La decisione del giudice

Sas, i lavoratori restano in servizio: la decisione della Corte d’Appello

di
17 Giugno 2020

Buone notizie per i 44 lavoratori della Sas, Servizi ausiliari Sicilia, società della Regione Siciliana. Dopo aver temuto di perdere il posto di lavoro per alcune sentenze d’appello del 2018, che avevano negato il diritto all’assunzione a tempo indeterminato, la vicenda sembra concludersi in modo positivo.

Infatti, sono stati letti i primi dispositivi di alcune sentenze rese dalla Corte di Appello in sede di rinvio, dopo che la Corte di Cassazione aveva annullato le decisioni sfavorevoli ai lavoratori. Si tratta di un gruppo di cosiddetti ‘ex interinali’, che si occupano di pulizie o manutenzione nelle aziende e negli ospedali siciliani e che avevano prestato il proprio lavoro per un tempo limitato in forza di contratti di somministrazione illegittimi, con conseguente diritto alla stabilizzazione nella partecipata regionale, oggi amministrata dall’avvocato Giuseppe Di Stefano.

Le speranze dell’accesso definitivo alla Sas, per i lavoratori, si sono riaccese nell’aprile 2019 quando sono state depositate le prime sentenze della Corte di Cassazione – sezione lavoro – con cui sono stati accolti i ricorsi di alcuni di essi difesi dagli avvocati Lorenzo Maria Dentici e Francesco Domeniconi, con rinvio alla Corte di appello di Palermo per un nuovo esame. “Con due sentenze dello scorso 11 giugno la sezione lavoro della Corte d’Appello di Palermo – spiegano i legali – si è pronunciata nei giudizi di rinvio dando ragione ai lavoratori, che non perderanno il posto, dopo una battaglia giudiziaria di diversi anni che restituisce serenita’ a molte famiglie, le quali da tempo vivono con la spada di Damocle la perdita del posto di lavoro“.

L’allora amministratore Sergio Tufano non aveva dato esecuzione alle sentenze d’appello sfavorevoli ai dipendenti sia per non interrompere i servizi ai committenti, sia per non sottoporre l’ente all’esborso delle somme necessarie in caso di vittoria dei lavoratori per il pagamento degli arretrati per le mensilità a vuoto. Altri ‘ex interinali’, che avevano perso nei primi due gradi di giudizio, non hanno più lavorato dal 2012 e attendono

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco