Sas: scontro sulla stabilizzazione di 134 lavoratori, il presidente si dimette :ilSicilia.it

Contratti a rischio

SaS: scontro sulla stabilizzazione di 134 lavoratori, il presidente si dimette

di
5 Dicembre 2018

E’ scontro sulla stabilizzazione dei 134 lavoratori dell’albo delle società partecipate della Regione Siciliana liquidate in questi anni. Da una parte il presidente dell’Assemblea regionale, Gianfranco Miccichè, secondo cui è possibile procedere alla loro assunzione a tempo indeterminato, dall’altra il presidente della SaS (Servizi ausiliari Sicilia), Marcello Caruso, secondo il quale l’unica strada percorribile è quella dell’assunzione con contratti a tempo determinato. Una contrapposizione che ha spinto Miccichè a criticare duramente Caruso, fino al punto di chiederne le dimissioni. Invito che è stato raccolto dal destinatario proprio in queste ore.

Si tratta degli ex dipendenti di Ciem, Lavoro Sicilia, Cerisdi, Spi, Quarit,Terme Di Sciacca, Sicilia e Ricerca e Sviluppo Italia Sicilia. Personale in possesso di titoli di studio e qualifiche professionali di cui l’amministrazione ha grande bisogno e che per questo motivo il governo e la maggioranza vorrebbero reintrodurre in pianta stabile all’interno dell’organico regionale. La maggior parte di loro, infatti, è laureata ed in possesso di competenze specifiche. Per Caruso, invece, questo non è possibile perchè SaS eroga servizi alla Regione sulla base di commesse a tempo. Pertanto, sempre secondo l’ormai ex presidente, la Società tra qualche potrebbe non essere più nelle condizioni di garantire il loro rapporto di lavoro.

Le sua scelta di fare un passo indietro, al contrario di quello che si potrebbe pensare, non risolve il problema perchè arriva a pochi giorni dal termine ultimo del 31 dicembre entro il quale si devono effettuare le assunzioni e in un momento in cui l’Assemblea regionale siciliana è alle prese con l’approvazione del bilancio.

Per Mimma Calabrò, della Fisascat Cisl, “i lavoratori hanno diritto ad essere stabilizzati, un diritto che non può essere negato a causa di intoppi di natura burocratica. Per questo abbiamo già chiesto un incontro al presidente Musumeci al quale chiediamo di prendere in mano la situazione affinchè dia le giuste direttive”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco