Saverio Romano a "Bar Sicilia": "Miccichè lasci la presidenza dell'Ars" | VIDEO | ilSicilia.it :ilSicilia.it

la rubrica della domenica

Saverio Romano a “Bar Sicilia”: “Miccichè lasci la presidenza dell’Ars” | VIDEO

di
7 Luglio 2019

Guarda in alto il video della 70ª puntata

Bar Sicilia“, la rubrica de ilSicilia.it con Alberto Samonà e Maurizio Scaglione, giunge alla 70ª puntata e oggi, domenica 7 luglio 2019, ha ospite l’ex ministro e leader di “Cantiere Popolare” Saverio Romano.

Romano traccia il quadro del proprio percorso in Forza Italia e fa un’analisi su questa fase politica, dopo che alle Europee è arrivato secondo in lista, poco dietro rispetto a Giuseppe Milazzo che per una manciata di voti è volato a Strasburgo.

Da tempo i suoi rapporti con Gianfranco Miccichè sono ai ferri corti, tanto che l’esponente centrista suggerisce adesso allo stesso Miccichè di dimettersi da presidente dell’Ars e da presidente della commissione del concorso bandito proprio dall’Assemblea regionale per undici posti di consigliere parlamentare, per “continuare a svolgere il ruolo di coordinatore del partito di Berlusconi in Sicilia“. Ma va anche oltre e fa capire a Musumeci che se il nuovo gruppo di “Ora Sicilia” (o altri eventuali gruppi) dovesse ottenere spazi nel governo (leggasi assessorati), Cantiere popolare farà le proprie scelte. Come dire che l’uscita dal governo e dalla maggioranza è un’ipotesi da non scartare nel caso in cui si dovessero mettere in discussione gli originari assetti della coalizione.

Riguardo a Micciché, “la politica deve dare esempi – spiega Romano – e il presidente dell’Ars che presiede il concorso per duemila persone è un cattivo esempio. Poi non lamentiamoci se la gente ci guarda male. Il presidente della Camera e quello del Senato addirittura una volta eletti dall’Aula si cancellano dal gruppo di appartenenza, figuriamoci se fanno i capi di un partito, mentre qui avviene il contrario, con Miccichè che fa da un lato il capo di un partito e dall’altro il presidente dell’Ars e della commissione di esami, cambiandosi d’abito a seconda del momento. Trovo strano che dopo un anno e mezzo in cui lui si trova in pieno conflitto di interessi, la politica non glielo abbia ancora fatto notare. C’è un momento che arriva, in cui bisogna dire che così non si può continuare. Io gli consiglierei, se vuole fare politica, che faccia il coordinatore del partito e lasci la presidenza dell’Ars“.

In merito agli equilibri in giunta regionale e nel governo Musumeci, Saverio Romano afferma che se c’è un disagio in alcuni gruppi o in alcuni partiti (il riferimento è a “Ora Sicilia”), non ci può essere una stanza di compensazione che riguarda il governo: “Io ripongo grande fiducia in Musumeci che è persona saggia. Condanno la nascita di gruppi che – sono sicuro – Musumeci non legittimerà mai nel quadro del governo, perchè conoscendo Musumeci so che non è come Crocetta che ha raccolto persone che provenivano da aree opposte, cambiando decine di assessori, e non accoglierà nel governo gruppi che nascono da equilibri dell’Ars e che non si sono misurati nella campagna elettorale. Se dovesse smentirmi, io non partecipo al mercato delle vacche: questa maggioranza ne guadagna quattro e perde Romano. Noi abbiamo sostenuto Musumeci e siamo soci fondatori di questa maggioranza, perciò pretendiamo correttezza e lealtà. Ma non abbiamo dubbi perchè conosciamo la lealtà di Musumeci. E poi, sarebbe un mercato delle vacche che indebolirebbe lo stesso Musumeci”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin