25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.11
Messina

Il sindaco rilancia la sfida sul risanamento

Sbaraccamento a Messina, De Luca all’attacco: “Di Maio e Salvini ci hanno lasciati soli”

14 Gennaio 2019

“Abbiamo fatto tutto quello che doveva essere fatto per il risanamento a Messina e stiamo continuando in questa battaglia. Abbiamo fatto quello che altri non hanno fatto in 100 anni ma siamo stati lasciati soli“. Lo afferma il sindaco di Messina, Cateno De Luca, che non fa mistero del suo disappunto per il no del Consiglio dei Ministri sulla richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza per la questione delle baracche e va all’attacco proprio dell’Esecutivo.

“C’è chi le promesse le fa in campagna elettorale e chi si pone invece obiettivi seri, ambiziosi e lo fa assumendosi anche le responsabilità del passato. Lo sbaraccamento in tempi record si poteva fare con la dichiarazione delle stato di emergenza. Il Ministro Salvini si era impegnato a sostenerci in questa vicenda. Il Ministro Di Maio afferma che il male anche di questa vicenda è la burocrazia. Intanto il dato di fatto amaro ed oggettivo è che siamo stati lasciati soli a combattere le vergogne del passato. Nonostante tutto andiamo avanti con i nostri mezzi e le nostre strategie. Le difficoltà, gli ostacoli e l’assenza di chi non intende sostenerci ci rende ancora più forti e determinati nell’azione che intende sanare una vergogna che ormai va avanti da oltre un secolo e offende la dignità di tanti messinesi”.

“In 28 anni dalla legge regionale 10/90 sono stati realizzati ed assegnati circa 500 immobili“, continua De Luca, che lancia la sua sfida: “Vediamo quanti immobili realizzerà ed assegnerà in questi cinque anni il sindaco De Luca. Tutto il resto non conta. Ne riparliamo tra qualche anno“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.