Sbaraccamento a Messina, De Luca all'attacco: "Di Maio e Salvini ci hanno lasciati soli" :ilSicilia.it
Messina

Il sindaco rilancia la sfida sul risanamento

Sbaraccamento a Messina, De Luca all’attacco: “Di Maio e Salvini ci hanno lasciati soli”

di
14 Gennaio 2019

“Abbiamo fatto tutto quello che doveva essere fatto per il risanamento a Messina e stiamo continuando in questa battaglia. Abbiamo fatto quello che altri non hanno fatto in 100 anni ma siamo stati lasciati soli“. Lo afferma il sindaco di Messina, Cateno De Luca, che non fa mistero del suo disappunto per il no del Consiglio dei Ministri sulla richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza per la questione delle baracche e va all’attacco proprio dell’Esecutivo.

“C’è chi le promesse le fa in campagna elettorale e chi si pone invece obiettivi seri, ambiziosi e lo fa assumendosi anche le responsabilità del passato. Lo sbaraccamento in tempi record si poteva fare con la dichiarazione delle stato di emergenza. Il Ministro Salvini si era impegnato a sostenerci in questa vicenda. Il Ministro Di Maio afferma che il male anche di questa vicenda è la burocrazia. Intanto il dato di fatto amaro ed oggettivo è che siamo stati lasciati soli a combattere le vergogne del passato. Nonostante tutto andiamo avanti con i nostri mezzi e le nostre strategie. Le difficoltà, gli ostacoli e l’assenza di chi non intende sostenerci ci rende ancora più forti e determinati nell’azione che intende sanare una vergogna che ormai va avanti da oltre un secolo e offende la dignità di tanti messinesi”.

“In 28 anni dalla legge regionale 10/90 sono stati realizzati ed assegnati circa 500 immobili“, continua De Luca, che lancia la sua sfida: “Vediamo quanti immobili realizzerà ed assegnerà in questi cinque anni il sindaco De Luca. Tutto il resto non conta. Ne riparliamo tra qualche anno“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin