Sbarazzo, il musical al Teatro Sant’Eugenio di Palermo :ilSicilia.it
Palermo

18, 19 e 20 gennaio

Sbarazzo, il musical al Teatro Sant’Eugenio di Palermo

di
14 Gennaio 2019

SBARAZZO, un musical da camera…senza cucina e bagno

scritto e diretto da Giuseppe Moschella, con Leonardo Campanella (attore), Valeria Milazzo (vocalist), testo scritto con la collaborazione di Leonardo Campanella, assiste regia e movimenti coreografici Silvia Melodia

 

SINOSSI

Vecchi costumi, oggetti di scena, drappeggi colorati, fogli sparsi, leggii, copioni, manichini con lampade al posto della testa e un’insegna con su scritto “Ufficio pezzi smarriti” vedono, tra la polvere, agire e interagire i due protagonisti (Moschella&Mulè): una coppia di attori comici che in cerca di ispirazione per nuovi pezzi teatrali si imbatte in uno strano custode ed una sarta con ambizione da cantante.

“L’ufficio” però presto dovrà chiudere per diventare un supermercato: lo “sbarazzo” e la salvaguardia di pezzi di teatro editi e inediti sono necessari…e la coppia di attori forse riesce a…

Gag e sketch comici, ironici, brillanti incastonati a musica e canzoni dal vivo danno vita a quello che si può definire un musical e per le piccole “dimensioni” un musical da camera, il secondo esperimento di Giuseppe Moschella dopo “Un Bacio è sempre un bacio – musical da camera” spettacolo pluripremiato in Italia nel 1998 (Premio Campidoglio come spettacolo più innovativo).

Brevi note biografiche duo Moschella&Mulè

Giuseppe Moschella ed Emanuela Mulè sono due versatili attori siciliani da anni impegnati in progetti di teatro (Teatro Zelig di Milano, Teatro del Sale di Firenze, Teatro dei Satiri di Roma, Taorminaarte ecc…) e cinema (premiati al Chicago International Film Festival, Premio Rocco Chinnici…, che hanno riscosso largo consenso di critica e di pubblico. Tra i riconoscimenti l’Efebo d’oro, il Premio Pergamene Pirandello,Premio Rocco Chinnici, Premio Solunto-Filangeri. Nel 2005 nasce il duo Moschella&Mulé caratterizzato da una fondamentale dimensione ironica che contraddistingue lo stile interpretativo e scenico del duo. I due artisti amano comunque abbracciare tutti i generi teatrali amalgamando dimensione musicale, interpretativa e suggestive immagini ma amano anche esplorare e vivere meccanismi e contesti diversi da quelli teatrali, infatti hanno lavorato anche per la tv (fiction come Incantesimo, La squadra, La baronessa di Carini, Ho sposato uno sbirro 2, spot televisivi nazionali ed internazionali), in diversi film per il cinema e con la loro Cammelli hanno realizzato film brevi vincitori e finalisti in importanti festival internazionali.

Sono stati spesso ospiti in trasmissioni nazionali Rai (Cinematografo, Applausi e Sottovoce di Gigi Marzullo), Mediaset, sky e Rds. Attualmente con un loro precedente film breve “La moglie sola” (in concorso al David di Donatelo, allo Sciacca Film Fest 2015, cerano Film-Festival Internazionale Cortometraggi 2016, Iphone Film Festival 2016-Usa e African Smartphone International Film Festival) hanno superato 3.000.000 visualizzazioni su youtube mentre con i loro penultimo film btreve “U vattiu” sono finalisti a Los Angeles Film Festival, Second Asia International Youth Shortfilm Festival, Festival Cinemator (Carros) e MedFF 2017. Ultimamente hanno realizzato un altro progetto audiovisivo con la direzione alla fotografia di Daniele Ciprì

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.