Sbarcati 85 migranti a Lampedusa, il sindaco: "Non abbiamo dove ospitarli" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Agrigento

L'APPELLO DEL PRIMO CITTADINO AL MINISTRO LAMORGESE

Sbarcati 85 migranti a Lampedusa, il sindaco: “Non abbiamo dove ospitarli”

di
13 Marzo 2020

Tre nuove imbarcazioni sono attraccate a Lampedusa,  per un totale complessivo di 85 persone sbarcate sull’Isola.

Nel pomeriggio è attraccata una piccola imbarcazione a Cala Pulcino, mentre altre due hanno gettato le ancore nel Porto. Le persone sono tutte radunate al molo Favaloro, sotto l’assistenza di medici e forze dell’ordine, adeguatamente attrezzati.

Nel centro di accoglienza ci sono già le 26 persone arrivate ieri e poste in quarantena, che non possono avere contatti con altri. Nell’isola non ci sono altre sedi idonee all’accoglienza di migranti“. A darne notizia è il sindaco di Lampedusa Totò Martello.

LE PAROLE DEL SINDACO

Il primo cittadino chiede al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese di “intervenire immediatamente con un provvedimento specifico che preveda il trasferimento diretto delle persone sbarcate: dal molo devono essere subito trasferite in un’altra struttura al di fuori di Lampedusa, senza entrare in contatto con chi già risiede sull’isola. Bisogna tutelare la salute della cittadinanza, che sta rispettando con grandi sacrifici le disposizioni per fronteggiare l’emergenza Coronavirus contenute nel decreto del presidente del consiglio“.

Serve un provvedimento chiaro che valga anche in caso di eventuali altri sbarchi futuri. Lo dico con grande senso di responsabilità, che non intacca la vocazione all’accoglienza che Lampedusa e i lampedusani hanno sempre dimostrato. Ma stiamo vivendo un’emergenza che impone misure severe, e queste devono essere rispettate da tutti“, conclude Martello.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin