Sbarcati nell'Agrigentino: in manette nove tunisini, alcuni erano stati espulsi :ilSicilia.it
Agrigento

erano arrivati ieri

Sbarcati nell’Agrigentino: in manette nove tunisini, alcuni erano stati espulsi

di
25 Maggio 2020

Nove cittadini tunisini sono stati arrestati dagli agenti della Squadra mobile di Agrigento, diretta da Giovanni Minardi, dopo gli ultimi sbarchi avvenuti sulle coste agrigentine e lampedusane. Sei sono finiti in manette per avere fatto reingresso in Italia dopo che essere stati espulsi.

All’identificazione dei tunisini, i poliziotti della Mobile sono arrivati grazie ad una attività di intelligence: comparazioni delle impronte digitali e delle foto segnaletiche. I 9 sono stati arrestati nel centro d’accoglienza di Villa Sikania, a Siculiana (Ag).

Due di loro, inoltre, dovevano scontare delle condanne per reati precedentemente commessi nel territorio nazionale e uno, in particolare, per rapina e lesioni aggravate. Altri due migranti, invece, sono stati arrestati per essere tornati dopo essere stati respinti con provvedimento del Questore. Un altro ancora è stato arrestato perché deve scontare una condanna per incendio, lesioni aggravate e violenza privata.

Intanto i settanta tunisini bloccati dopo lo sbarco di ieri, domenica 24 maggio, a Palma di Montechiaro saranno trasferiti a Taranto.

I migranti, erano condotti nella tensostruttura attigua alla banchina di Porto Empedocle, sono stati identificati e sottoposti a visita sanitaria.

Leggi anche

Migranti all’assalto della Sicilia, oltre 400 sbarcano nell’Agrigentino

Maxi sbarco nell’Agrigentino, drone fotografa un barcone incagliato

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.