Sbarchi a Lampedusa, Martello: "Numeri da emergenza, bisogna collaborare con il governo tunisino" :ilSicilia.it
Agrigento

l'appello del sindaco

Sbarchi a Lampedusa, Martello: “Numeri da emergenza, bisogna collaborare con il governo tunisino”

di
4 Agosto 2020

“I numeri all’interno dell’hotspot e gli sbarchi sono talmente alti da dichiarare che siamo in uno stato di emergenza perchè nel rapporto tra i dati di oggi e quelli del 2011, quelli di oggi sono più alti. Chiedo l’emergenza perché facilita nell’affrontare le problematiche”. Lo ha detto il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, ospite di Agorà Estate su Rai 3.

Per il sindaco di Lampedusa, al momento sull’isola – dove però è arrivata questa mattina la nave-quarantena che ha già imbarcato oltre 250 migranti – ci sono “1.300 persone in due strutture: l’hotspot che era pieno con 1.100 persone e in più – ha affermato – ci sono altre duecento persone in una struttura della chiesa, perchè all’interno del centro accoglienza non entrava materialmente più nessuno”.

Il blocco navale, secondo Martello, “non funziona perché quando uno blocca un’imbarcazione a mare e non si ferma, va a fondo. Si dice blocco navale – ha continuato – per fare morire le persone. Non credo che quelli che sono su una nave faranno morire le persone. Il problema – ha concluso – è cercare di non farli partire, di collaborare con il governo tunisino e di essere pressanti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47