Sbarco di migranti a Licata, arrestato il presunto scafista :ilSicilia.it
Agrigento

dovrà rispondere di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina

Sbarco di migranti a Licata, arrestato il presunto scafista

di
29 Giugno 2020

Avrebbe fatto sbarcare clandestinamente 15 extracomunitari sul litorale di Licata (AG).

Con questa accusa, la Guardia costiera ha arrestato un presunto scafista. L’uomo dovrà rispondere del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

IL FATTO

L’episodio è avvenuto nella giornata di domenica.

Dopo aver ricevuto la segnalazione di uno sbarco, la Guardia Costiera ha inviato una motovedetta alla ricerca dell’imbarcazione che è stata individuata ed inseguita al largo di Licata.

Dopo essere stato intercettato, il presunto scafista ha tentato di disfarsi del gps di bordo, gettandolo in mare.

Il dispositivo, prontamente recuperato dai militari della Guardia Costiera, consentirebbe di ricostruire il percorso eseguito dall’imbarcazione, dal momento della partenza. Dei 15 migranti sbarcati, nove sono stati recuperati dalla polizia e dai carabinieri e portati in un centro di accoglienza.

La procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, ha infine avviato un’indagine che ha portato all’interrogatorio dei migranti, al sequestro del barcone e all’arresto del presunto scafista.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.