Sbarco di migranti a Licata, arrestato il presunto scafista :ilSicilia.it
Agrigento

dovrà rispondere di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina

Sbarco di migranti a Licata, arrestato il presunto scafista

di
29 Giugno 2020

Avrebbe fatto sbarcare clandestinamente 15 extracomunitari sul litorale di Licata (AG).

Con questa accusa, la Guardia costiera ha arrestato un presunto scafista. L’uomo dovrà rispondere del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

IL FATTO

L’episodio è avvenuto nella giornata di domenica.

Dopo aver ricevuto la segnalazione di uno sbarco, la Guardia Costiera ha inviato una motovedetta alla ricerca dell’imbarcazione che è stata individuata ed inseguita al largo di Licata.

Dopo essere stato intercettato, il presunto scafista ha tentato di disfarsi del gps di bordo, gettandolo in mare.

Il dispositivo, prontamente recuperato dai militari della Guardia Costiera, consentirebbe di ricostruire il percorso eseguito dall’imbarcazione, dal momento della partenza. Dei 15 migranti sbarcati, nove sono stati recuperati dalla polizia e dai carabinieri e portati in un centro di accoglienza.

La procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, ha infine avviato un’indagine che ha portato all’interrogatorio dei migranti, al sequestro del barcone e all’arresto del presunto scafista.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin