Sbarco di migranti a Licata, arrestato il presunto scafista :ilSicilia.it
Agrigento

dovrà rispondere di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina

Sbarco di migranti a Licata, arrestato il presunto scafista

di
29 Giugno 2020

Avrebbe fatto sbarcare clandestinamente 15 extracomunitari sul litorale di Licata (AG).

Con questa accusa, la Guardia costiera ha arrestato un presunto scafista. L’uomo dovrà rispondere del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

IL FATTO

L’episodio è avvenuto nella giornata di domenica.

Dopo aver ricevuto la segnalazione di uno sbarco, la Guardia Costiera ha inviato una motovedetta alla ricerca dell’imbarcazione che è stata individuata ed inseguita al largo di Licata.

Dopo essere stato intercettato, il presunto scafista ha tentato di disfarsi del gps di bordo, gettandolo in mare.

Il dispositivo, prontamente recuperato dai militari della Guardia Costiera, consentirebbe di ricostruire il percorso eseguito dall’imbarcazione, dal momento della partenza. Dei 15 migranti sbarcati, nove sono stati recuperati dalla polizia e dai carabinieri e portati in un centro di accoglienza.

La procura di Agrigento, guidata da Luigi Patronaggio, ha infine avviato un’indagine che ha portato all’interrogatorio dei migranti, al sequestro del barcone e all’arresto del presunto scafista.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin