Sbarco di migranti a Siculiana: otto arresti, in corso ulteriori controlli :ilSicilia.it
Agrigento

L'INDAGINE DELLA SQUADRA MOBILE

Sbarco di migranti a Siculiana: otto arresti, in corso ulteriori controlli

di
7 Maggio 2020

Sono otto gli extracomunitari arrestati dopo lo sbarco avvenuto a Torre Salsa, frazione marittima di Siculiana.

L’operazione della squadra Mobile di Agrigento, coordinata dalla Procura,  ha portato al fermo di otto migranti di origine magrebina. Quattro di questi sono stati bloccati per essere rientrati in Italia dopo una precedente espulsione. Mentre altri quattro risultavano condannati e ricercati per spaccio di droga ed estorsione.

ULTERIORI CONTROLLI IN CORSO

Gli arresti sono stati effettuati, durante le operazioni di identificazione, subito dopo lo sbarco. Il lavoro investigativo della Squadra Mobile non è ancora terminato essendo in corso accertamenti sui 70 immigrati giunti ieri a Porto Empedocle (Ag) e su altri 86 in arrivo, sempre da Lampedusa (Ag), con il traghetto.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Agrigento, tendono ad identificare favoreggiatori e organizzatori dell’immigrazione clandestina, soggetti ricercati o già espulsi, con possibili collegamenti con organizzazioni criminali operanti in Italia e dedite a reati contro il patrimonio nonché allo spaccio di stupefacenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin