Sburocratizzazione in Sicilia, nuovo ddl approvato dalla giunta Musumeci :ilSicilia.it

le parole dell'assessore Grasso

Sburocratizzazione in Sicilia, nuovo ddl approvato dalla giunta Musumeci

di
8 Giugno 2020

Giovedì scorso (4 giugno ndr) la giunta ha approvato un disegno di legge sulla sburocratizzazione “recependo lo stato di emergenza come struttura portante in merito al disegno di legge”.

Un disegno di legge che supera quello elaborato in questi mesi in prima commissione, che proprio martedì 9 giugno dovrebbe arrivare a Sala d’Ercole per essere discusso. Era stato infatti lo stesso presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, ad impegnarsi perché questo documento avesse un percorso preferenziale.

Si tratta di un disegno di legge ‘trasversale’ condiviso da molte forze politiche a Palazzo dei Normanni. Nato in un primo tempo come emendamento alla finanziaria 2020, per velocizzare l’approvazione di quest’ultima era stato stralciato e trasformato in un disegno di legge a sé stante. In un primo tempo gli uffici dell’Ars avevano mosso varie perplessità richiamando una recente sentenza della Consulta sulle competenze in materia di Stato e Regioni. Dopo una serie di aggiustamenti, il testo ha avutp l’ok degli uffici.

Per quanto riguarda la sburocratizzazione alcune norme non hanno bisogno di passare in Aula. Oggi stesso farò delle circolari per applicarne alcuna Come quella sugli appalti – afferma a IlSicilia.it l’assessore alle autonomie Locali Bernardette Grasso Il disegno di legge che abbiamo approvato in giunta è un disegno di legge di snellimento. Il testo che ho lasciato in prima commissione in effetti non so quanto sburocratizza. Noi abbiamo approvato un disegno di legge in giunta che supera quello della commissione. Supera alcuni limiti previsti dalle norme nazionali che richiamiamo alcuni principi sulla Protezione civile, modifiche che ci consentono di derogare ad alcune norme previste dalle quelle statali. Abbiamo reso un disegno di legge applicabile perché abbiamo recepito lo stato di emergenza, questa è la struttura portante. Io posso derogare a delle norme solo se agisco in emergenza. Il disegno di legge è oltre. Ci da la possibilità la di Lavorare nella straordinarietà”, continua l’assessore.

Insomma l’assessore non punta il dito contro il lavoro della prima commissione in quanto “nulla è mai perso“. Ma stando alle parole di Grasso, “la giunta ha formulato un testo che supera quello che si discuterà a Palazzo dei Normanni. Non vorrei che attraverso vari titoli di giornale recepiscono un messaggio diverso dalla realtà. Tante cose già attraverso delle mie circolari sono già in atto“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin