Scala dei Turchi, villette di lusso abusive: il giudice condanna gli imputati :ilSicilia.it
Agrigento

Nuova vittoria di legambiente sicilia

Scala dei Turchi, villette di lusso abusive: il giudice condanna gli imputati

di
27 Luglio 2018

Il  GUP del Tribunale di Agrigento ha condannato gli imputati per la lottizzazione abusiva di un complesso di villette di lusso sul promontorio della Scala Dei Turchi e per avere realizzato alcuni degli immobili realizzati entro la fascia di inedificabilità assoluta dalla battigia, con violazioni della normativa urbanistica, edilizia e dei plurimi vincoli esistenti a tutela del sito dove si trova la “Scala Dei Turchi” di Realmonte.

Le caratteristiche paesaggistiche e panoramiche ne hanno fatto un sito di eccezionale pregio e suggestione, costituendo una delle attrattive di maggior rilevanza del territorio siciliano, conosciuta a livello internazionale e classificata come una delle più belle spiagge del mondo recentemente  proposta quale bene da inserire nel patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Nel capo di imputazione sono anche richiamati e contestati per la loro violazione i diversi vincoli che tutelano questa parte del territorio costiero di Realmonte.

Se quest’anno la Scala dei Turchi è al primo posto nella classifica social di Instragram per la spiaggia più bella – dichiara Gianfranco Zanna, presidente  di Legambiente Sicilia –  lo si deve alle battaglie condotte dalla nostra associazione contro aggressioni e speculazioni edilizie. Infatti, le nostre denunce, iniziate nel 1990, hanno portato, nel 2013 all’abbattimento degli ecomostri  della Scala dei Turchi e di quelli delle  villette di capo Rossello.

Abbiamo continuato la battaglia a tutela del sito segnalando, sempre nel 2013, l’inizio dei lavori dei nuovi abusi, chiedendo le verifiche delle autorità competenti, in particolare quella della distanza dalla battigia, costituendoci parte civile quando è iniziato il processo e seguendolo con i nostri consulenti quando è stata disposta dal Giudice la perizia collegiale.

A seguito di questa segnalazione, la società aveva inviato all’associazione una richiesta di risarcimento del danno di 5 milioni di euro e nel corso del processo, in occasione della richiesta di costituzione di parte civile di Legambiente, uno dei titolari ci aveva denunciato  per falso e calunnia. Ma alla fine giustizia è stata fatta, grazie al lavoro svolto dall’avvocato di Legambiente Sicilia Daniela Ciancimino.

Con la sentenza di ieri il Giudice ha disposto la confisca degli immobili sequestrati e il ripristino dello stato dei luoghi, condannando gli imputati al risarcimento del danno in favore di  Legambiente e alle spese legali, sono stati rinviati a giudizio tutti gli altri imputati tra cui funzionari dell’UTC del Comune di Realmonte e della Soprintendenza e tecnici incaricati dalla società. Il processo inizierà il 5 novembre“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin