Scandalo Tennis. Indagini in tutta Italia per "flussi di scommesse anomale" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

L'inchiesta parte dal caso Cecchinato

Scandalo Tennis. Indagini in tutta Italia per “flussi di scommesse anomale”

19 Dicembre 2016

Le scommesse sui match di tennis finiscono nei riflettori della Procura di Palermo. Il nome più frequente è quello del palermitano Marco Cecchinato, tennista 24 enne già squalificato dalla Federtennis. Stamane agenti della Squadra Mobile del capoluogo, diretti da Rodolfo Ruperti, hanno notificato degli avvisi di garanzia con l’accusa di “frode sportiva” ed effettuato alcune perquisizioni di uffici e materiale informatico, sequestrando del materiale. L’inchiesta parte dal caso Cecchinato e riguarda incontri tennistici disputati in Italia e all’estero.

scommesse3_tursunov-pashanski-spietroburgo2007Gli agenti della Mobile, in collaborazione con i colleghi delle sezioni locali, stanno svolgendo delle perquisizioni tra Palermo, Milano, Firenze e Prato. Le indagini, condotte dalla Sezione Anticorruzione della Squadra Mobile di Palermo, sono coordinate dal Procuratore Aggiunto Salvatore De Luca e dai Sostituti Procuratori della Repubblica di Palermo, Dario Scaletta e Francesca Dessì. Oltre a Cecchinato l’avviso di garanzia è stato notificato Riccardo Accardi. Gli inquirenti sostengono di avere notato flussi di scommesse anomali sull’incontro relativo al torneo di Mohammedia, disputato in ottobre in Marocco, tra Marco Cecchinato e il polacco Majchrzak. Da qui si sono accesi i riflettori su una serie di tornei che si giocano tra la Polonia e la Russia e sui quali di solito non c’e un grande giro di scommesse.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona