Scandalo viadotto Scorciavacche, verso il rinvio a giudizio. Tremano l'impresa e Anas :ilSicilia.it
Palermo

Il viadotto sulla Palermo-Agrigento

Scandalo viadotto Scorciavacche, verso il rinvio a giudizio. Tremano l’impresa e Anas

di
13 Febbraio 2018

Al vaglio del Gip la richiesta di rinvio a giudizio della procura di Termini Imerese per il crollo del viadotto Scorciavacche, sulla SS121 Palermo-Agrigento, avvenuto il 30 dicembre 2014, dopo solo una settimana dall’inaugurazione.

L’opera, costata 13 milioni di euro, è stata realizzata dall’Ati “Bolognetta scpa” (raggruppamento di imprese tra Cmc di Ravenna, Tecnis di Catania e Ccc di Bologna). Tra gli indagati, anche i vertici dell’Anas, quali l’ex presidente nazionale Pietro Ciucci.

Secondo la Procura, la decisione di anticipare di 3 mesi i tempi di apertura del viadotto sarebbe stata presa da Ciucci e dagli altri per “mero tornaconto personale”. Nella prima fase dell’indagine la Procura aveva emesso una trentina di avvisi di garanzia per attentato alla sicurezza dei trasporti. Il magistrato ha accertato che il certificato di stabilità dell’opera risulta firmato da tecnici e funzionari che quel giorno non erano neppure presenti sul posto. Da qui l’ipotesi di falso.

In alto il servizio del TGR Rai Sicilia in onda oggi.

 

Clicca QUI per l’approfondimento di REPORT del 2015.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro