26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42

Sono tutti grillini. C'è poi Stefano Candiani commissario della Lega nell'Isola

Scelti i sottosegretari del governo Lega-M5s. Ecco chi sono i siciliani

13 Giugno 2018

Si completa la squadra di Governo, sono stati nominati, infatti, i viceministri e i sottosegretari. Un elenco di nomi, che a questo giro non abbonda di rappresentanti siciliani, la regione da cui il più forte partito della coalizione giallo-verde, il M5s, ha ottenuto maggior numero di voti, durante le elezioni del 4 marzo.

In totale sono 5 i siciliani su 45 sottosegretari e sono tutti del Movimento 5 stelle: Vito Crimi, Vincenzo Maurizio Santangelo, Alessio Villarosa, Michele Geraci e Manlio Di Stefano.

Crimi e Santangelo sono stati chiamati alla presidenza del Consiglio, il primo, palermitano da diversi anni in Lombardia, è stato il capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle all’esordio della scorsa legislatura e avrà la delicata delega all’Editoria; il secondo, invece, senatore al secondo mandato, va ai Rapporti col Parlamento.

governo nazionale
Stefano Candiani

Fra i non siciliani, ma che in Sicilia hanno un ruolo importante c’è il senatore Stefano Candiani, lombardo, da qualche mese commissario della Lega nell’Isola: Candiani va agli Interni, una delega importante che lo manterrà a stretto contatto con il vicepremier Matteo Salvini.

Agli Esteri va, invece, Manlio Di Stefano (M5s) palermitano, deputato alla seconda legislatura, eletto in Lombardia, l’anno scorso scelto come responsabile del programma sulla politica estera del M5s.

C’è poi Alessio Villarosa (anche lui pentastellato), deputato di Barcellona Pozzo di Gotto, oggi chiamato alla Difesa, è stato capogruppo alla Camera nella scorsa legislatura e al suo esordio a Montecitorio è stato uno degli attivisti grillini che si sono scagliati contro il gruppo Bilderberg.

Infine, Geraci,  professore grillino all’università cinese di Zhejiang, si occuperà di Sviluppo economico.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.