SCHEDA N.1: Il Sottopasso di via Perpignano :ilSicilia.it
Palermo

LE INCOMPIUTE EX "CARIBONI"

SCHEDA N.1: Il Sottopasso di via Perpignano

di
3 Dicembre 2017

Il contratto del “Raddoppio della circonvallazione di Palermo, II Lotto B da via Altofonte a via Belgio”, meglio noto come “Svincoli di via Perpignano” o “Sottopasso di via Perpignano”, fu stipulato dalla Giunta Cammarata il 19 marzo 2007, i lavori consegnati il 20 giugno 2007; durata prevista: 270 giorni.

Invece, l’ATI (associazione temporanea di imprese) composta dalla “Cariboni” di Rocca di Caprileone (Messina) e dalla “Med Impresit scrl” di Salerno non avviò mai l’appalto. Nel 2008 il Comune allora sciolse il contratto, dando il via alla lunga battaglia legale, ancora oggi al centro delle aule giudiziarie. E per cui sono stati riconosciuti danni a entrambe le parti.

Renzi e Orlando firma Patto per Palermo
Renzi e Orlando alla firma del “Patto per Palermo”

COSTI. Nel 2007 l’opera costava circa 22 milioni di euro. Oggi per realizzarla ce ne vorrebbero 34. Un’enormità, se si pensa che il Comune attende ancora una risposta ufficiale da Roma circa i vecchi fondi ex Agensudche molto probabilmente sono andati perduti visto che è passato un decennio.

A dicembre 2016, esattamente un anno fa, Renzi e Orlando hanno siglato il “Patto per Palermo” che assegna 322 milioni alla città. Di questi, 4 milioni (4.663.954,51 per la precisione) sono destinati al Sottopasso Perpignano. E 5,3 per il “Raddoppio del Ponte Corleone”.

Patto per Palermo, tabella fondi per incompiute Cariboni
Patto per Palermo, tabella fondi per incompiute Cariboni (SCARICA QUI IN HD)

TEMPI. Dopo quasi 10 anni dalla rescissione contrattuale del 2008, pare che i tempi non siano ancora maturi. Oltre al contenzioso, pesa il fattore “risorse in cassa”. Dall’assessorato comunale alle Infrastrutture precisano che «si attendono verifiche da Roma sui fondi ex Agensud» che quasi certamente sono andati perduti. In questo caso, la strategia sarebbe di «dirottare le risorse stanziate dal “Patto per Palermo” per realizzare almeno il raddoppio del Ponte Corleone, che ha la priorità visto lo stato in cui versa oggi».

In più, a causa dei tanti anni trascorsi, «il progetto va interamente aggiornato, anche a causa della realizzazione della Linea 4 del tram», che all’epoca non c’era e che oggi invece transita sulle carreggiate laterali della Circonvallazione. Difficile quindi vedere la posa della prima pietra entro la fine di questo ultimo mandato di Orlando, ma dal Polo Tecnico sono ottimisti: «Entro fine sindacatura (2022) riusciremo a mandare a gara quantomeno l’aggiornamento del progetto esecutivo».

Ottimismo che però cozza con la realtà: dirottando i fondi esistenti sul Ponte Corleone, è molto probabile che ci vorrà  almeno un altro decennio per vedere novità in via Perpignano. Se non è un addio, poco ci manca. A meno che arrivino da Roma o Bruxelles nuove risorse per questo progetto sfortunato, incompiuto, da troppi anni bloccato nel “libro dei sogni”.

 

CONTINUA L’APPROFONDIMENTO SULLE INCOMPIUTE EX “CARIBONI”: 

SCHEDA N.2: Raddoppio Ponte Corleone

SCHEDA N.3: Collettore Sud Orientale

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro