15 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.43
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

erano in vacanza

Schianto fatale per una famiglia siciliana in Scozia: tra le sei vittime anche un bimbo di quattro anni

28 luglio 2018

Erano andati in Scozia per trascorrere le ferie ma la morte li attendeva con le sembianze di un Suv. Una famiglia siracusana è stata travolta da un fuoristrada con a bordo cittadini britannici. L’impatto non ha lasciato via di scampo alla madre e al figlio di quattro anni che hanno perso la vita. Il piccolo, pare sia morto sul colpo. Il fratellino minore è rimasto illeso.

incidente in scoziaLa donna, invece, è stata trasportata in elisoccorso in ospedale ma sembra sia morta dopo il ricovero d’urgenza in terapia intensiva.  Era agente di polizia penitenziaria in servizio a Brucoli.

Il marito, militare della guardia costiera ad Augusta, è ancora in prognosi riservata. Un’altra vittima italiana che si trovava con loro sul pulmino, forse un’amica, ha perso la vita.  Morti anche i tre occupanti britannici del Suv. I parenti delle vittime sono già partiti per la Scozia dopo essere stati raggiunti dalla notizia dell’incidente, giovedì notte.

Sono in tutto sei, quindi, le vittime dell’incidente: in un primo momento si era detto cinque. La famiglia era a bordo di un pulmino della Fiat quando, per cause ancora da accertare, il mezzo si è scontrato frontalmente con il fuoristrada che proveniva in direzione opposta. L’Amministrazione di Siracusa si è messa in contatto con il consolato italiano a Edimburgo.

 

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il ragazzo con la valigia

Non era più l’istruzione a far da discriminante nel mettere le valige in mano ai giovani. Era l’ottusità di certe politiche e l’incapacità di questa terra nel costruire un futuro migliore a spingere i giovani ad andare via.