Schifani su Berlusconi: "La sua azione contro la mafia è sempre stata chiara" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

l'ex presidente del Senato commenta la sentenza trattativa

Schifani su Berlusconi: “La sua azione contro la mafia è sempre stata chiara”

22 Luglio 2018

“Il Berlusconi che io conosco non è quello che viene descritto, ingiustamente, in questi giorni. Silvio Berlusconi ha sempre rivendicato l’attività contro la mafia dei suoi governi”.

Così il senatore di Forza Italia, Renato Schifani, commenta la parte di motivazioni della sentenza sul processo relativo alla cosiddetta “trattativa Stato Mafia” relativa al leader azzurro ed ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. 

“Ricordo che quando ero capogruppo di Forza Italia al Senato – aggiunge Schifani – nel 2002, giunse proprio dal governo Berlusconi il ddl che prorogava di tre anni il 41 bis, il carcere duro. Finora si era andati avanti a proroghe. Mi confrontai con Berlusconi e gli chiesi se era d’accordo a trasformare quell’istituto in un modello permanente. Da lui ebbi immediato consenso e il provvedimento fu approvato. Nel 2008, invece, fu inasprito il sequestro dei beni, attraverso una norma più incisiva, che ci ha consentito di combattere ed indebolire la mafia aggredendola di più nei patrimoni. A quel tempo ero presidente del Senato e predisposi l’emendamento sulla base delle sollecitazioni giunte da alcuni inquirenti. Anche in quel caso ebbi pieno via libera da Berlusconi”.

Conclude Schifani: “La lotta alla mafia deve, perciò, tanto a Silvio Berlusconi, come ho avuto modo di ricordare ieri in Sicilia in occasione dell’inaugurazione di una nuova strada intitolata a Pio La Torre e Peppino Impastato”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona