Scintille in Forza Italia, Scilla: "Fiducia incondizionata al governo Musumeci" :ilSicilia.it

La dichiarazione dell'assessore

Scintille in Forza Italia, Scilla: “Fiducia incondizionata al governo Musumeci”

di
22 Aprile 2021

“Evidentemente, ieri pomeriggio, il mio amico Falcone ha partecipato ad un’altra riunione rispetto a quella tenuta dal gruppo parlamentare Ars, insieme agli assessori regionali di Forza Italia. Il governo Musumeci è anche il mio Governo e di tutto il partito azzurro”.

A scriverlo sul proprio profilo Facebook è l’assessore regionale all’Agricoltura, Toni Scilla, commentando le recenti vicende all’interno del gruppo di Forza Italia.

La coalizione di centro destra è certamente la nostra collocazione naturale da cui partire per rivincere le regionali con il Presidente Musumeci – sottolinea Scilla -. Questo è il chiaro messaggio politico consegnato ieri a tutta Forza Italia dal nostro commissario regionale Gianfranco Miccichè a cui praticamente l’intera assise ha ribadito totale ed incondizionata fiducia”.

Una delegazione di Forza Italia incontrerà oggi il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, per chiarire definitivamente le divergenze di vedute sorte negli ultimi giorni. Il partito berlusconiano, che ieri si è riunito a Palazzo dei Normanni, sede dell’Ars, per discutere sui prossimi passi da effettuare, tra l’altro ha anche ribadito – attraverso una nota, in cui mancano solamente le firme di Marco Falcone (assessore regionale alle Infrastrutture) e Stefano Pellegrino – piena fiducia al suo leader siciliano, Gianfranco Miccichè.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin